«Beato chi è insensibile alle tristezze urbane e al loro riverbero sull’animo degli uomini»

L’architetto scrittore Francesco Pecoraro racconta una storia di paesaggi interiori ed esteriori con una lingua che mischia termini colti e dialetto