Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Gli ensemble del Pollini: quattro concerti in centro a Padova

Un successo l'esibizione finale della rassegna  ”Musica per la città” con il conservatorio per i 40 anni del mattino

PADOVA. Chi c’era perché lo aveva programmato e chi ci è capitato per caso, ed è stata una sorpresa ancora migliore.

I quattro concerti organizzati ieri dal mattino di Padova per i suoi quarant’anni hanno aggiunto una nota di qualità ai rituali di un caldo sabato pomeriggio estivo.

Quattro appuntamenti, diversissimi per genere, stile e location, proposti all’interno della rassegna “Musica in città” grazie alla collaborazione con il conservatorio Pollini.

«Un modo semplice ma di grande qualità p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Chi c’era perché lo aveva programmato e chi ci è capitato per caso, ed è stata una sorpresa ancora migliore.

I quattro concerti organizzati ieri dal mattino di Padova per i suoi quarant’anni hanno aggiunto una nota di qualità ai rituali di un caldo sabato pomeriggio estivo.

Quattro appuntamenti, diversissimi per genere, stile e location, proposti all’interno della rassegna “Musica in città” grazie alla collaborazione con il conservatorio Pollini.

«Un modo semplice ma di grande qualità per festeggiare i quarant’anni del mattino”, come li ha definiti Gianluigi Cortese, che ha introdotto i concerti insieme al direttore del Pollini Leopoldo Armellini. Una collaborazione sperimentata anche per eventi a Piove di Sacco, Cittadella, Monselice ed Este.

E’ stata una vera e propria festa della musica, con cellulari alla mano e bambini in spalla, iniziata sulla gradinata della Gran Guardia dove I Trombettissimi, formazione di dodici componenti, parte della classe di tromba del Conservatorio Pollini, guidati dal maestro Diego Cal, hanno proposto un programma estremamente vario, alcuni brani molto conosciuti (come Over the rainbow, eseguita per seconda).

Mattino 40, "I Trombettissimi" suonano alla Gran Guardia

L’ensemble ha coinvolto un pubblico via via più numeroso fino ad invadere buona parte di piazza dei Signori nonostante la canicola pomeridiana.

L’atmosfera è decisamente cambiata con il concerto eseguito nel porticato della chiesa dei Servi dal Dolcensemble, la classe di flauti tenuta dal maestro Paolo Faldi, che per l’occasione ha scelto quattro compositori tra Cinque e Settecento per concludere con un brano moderno.

Mattino 40, i flauti di Dolcensemble davanti alla chiesa dei Servi

Le delicate melodie eseguite al flauto dai bravissimi allievi del Pollini hanno ricreato in via Roma un’atmosfera da festa barocca molto particolare.

Da qui si è passati nel Cortile antico del Bo dove l’Ensemble di mandolini e chitarre del Pollini, guidato dalla docente di mandolino Maria Cleofe Miotti, in collaborazione con la classe di chitarra di Paola Muggia e con la scuola Gino Neri di Ferrara ha dato spazio alla musica senza confini, passando dal folclore spagnolo a quello israeliano, dai ritmi dell’Europa dell’est a quelli greci di tradizione moderna, senza dimenticare la tradizionale tarantella napoletana.

Mattino 40, concerto di mandolini e chitarre nel cortile antico del Bo

E a concludere in bellezza sono state le note jazz del Pollini Jazz ensemble, nel plateatico del caffè Pedrocchi, quando già alle spalle dei musicisti comparivano i primi spritz.

Mattino 40, al Pedrocchi le note jazz della Ensemble del Pollini

Il gruppo, guidato dal maestro Marcello Tonolo, jazzista di fama internazionale e punto di riferimento per il dipartimento di jazz del Conservatorio, ha eseguito standard jazz con molti brani di Cole Porter, alcuni strumentali altri cantati da quattro allievi del primo anno della classe di canto jazz. Ad ascoltare, anche in questa occasione, un vastissimo pubblico, rispettoso e attento, attirato inesorabilmente dalla magia della musica.