Oltre l'università

A Pisa nasce Talia, lo spin-off del Cnr per l'intelligenza artificiale applicata al linguaggio

A Pisa nasce Talia, lo spin-off del Cnr per l'intelligenza artificiale applicata al linguaggio
La nuova struttura, prima in Italia nel comparto, è frutto di una collaborazione tra l'istituo di linguistica computazionale "A Zampolli" e  Gruppometa - ETT: trasformerà i risultati delle ricerche scientifiche in prodotti da mettere sul mercato
2 minuti di lettura

TALIA è la prima struttura in Italia a coniugare Intelligenza Artificiale e Trattamento Automatico della Lingua. Nasce a Pisa, come uno spin-off dell’Istituto di Linguistica Computazionale “A. Zampolli” del CNR, in collaborazione con GruppoMeta di ETT.

I sistemi di Trattamento Automatico del Linguaggio, servendosi dell’Intelligenza Artificiale, trasmettono a un computer le abilità indispensabili per utilizzare il linguaggio naturale, ad esempio per interagire con le persone (pensiamo ai chatbot). Abilitano, inoltre, a estrarre automaticamente informazioni da testi o da altri media e a estendere dinamicamente la competenza linguistica, come avviene per il traduttore istantaneo. Con i sistemi di trattamento automatico del linguaggio si possono fare analisi a velocità inimmaginabile per le capacità dell’essere umano. È possibile, ad esempio, comprendere di cosa parla un testo, come ne parla e quale ne sia il sentimento prevalente, il target, la lingua materna di chi lo ha scritto, anche se diversa rispetto a quella del testo, e, con una certa accuratezza, anche la sua età e il suo livello di scolarizzazione. Così questa tecnologia sta conoscendo negli ultimi tempi una crescita esponenziale, trasversale a una molteplicità di settori della società della conoscenza, dalla Pubblica Amministrazione, alla scuola, alla sanità e anche alla valorizzazione del patrimonio culturale immateriale.

Simonetta Montemagni, direttrice dell’Istituto “A.Zampolli”, ricorda: “Non è certo un caso che TALIA sia nato all’interno dell'Istituto di Linguistica Computazionale “Antonio Zampolli” del CNR di Pisa che opera nel settore della Linguistica Computazionale  dal 1967, come Divisione di Linguistica Computazionale presso il Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico (CNUCE), e dal 1978 come Istituto indipendente del CNR. Da anni svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo di tecnologie, prodotti e servizi per il trattamento automatico della lingua, con un occhio di riguardo alla lingua italiana”.

Talia è il primo spin-off di linguistica computazionale che si confronta direttamente con le esigenze del mercato, focalizzandosi su sperimentazione e realizzazione di modelli allo stato dell’arte per l’analisi della lingua italiana (e non solo) in contesti applicativi reali.  Giovanni Verreschi, AD del Gruppo ETT, che controlla GruppoMeta dal 2021, dichiara: “L’obiettivo di mercato è quello di ingegnerizzare algoritmi e tecnologie NLP (Natural Language Processing), frutto della ricerca accademica, e renderli facilmente utilizzabili tramite servizi in Cloud scalabili e performanti in diversi settori: dalla sanità all’editoria, dalla scuola al turismo, alla P.A. e, in generale, per tutte quelle realtà che hanno necessità di catalogare e restituire una grande quantità di dati”. 

Lo spin-off punta a divenire il soggetto di riferimento per tutte le aziende e le realtà che hanno bisogno di gestire, conservare, analizzare, catalogare grandi quantità di dati e contenuti testuali per trasformarli in informazioni accessibili e/o riorganizzarli, comprenderli, riscriverli in maniera automatica. Talia è, inoltre, in grado di fornire servizi innovativi, sia rispetto agli strumenti di analisi del testo che in fase di authoring (per la realizzazione di una comunicazione multimediale riproducibile su pc) e scrittura.

“Lo scopo di Talia è proprio quello di raccogliere i risultati e le competenze di tutti questi anni di ricerca dell’Istituto di Linguistica Computazionale e sfruttare lo stato dell’arte nel settore del Trattamento Automatico della Lingua (TAL) e dell’Intelligenza Artificiale (IA), per realizzare prodotti software e sistemi in grado di risolvere ogni compito che richieda l’analisi e la produzione del testo con la velocità e l’affidabilità di una macchina, ma con le competenze di un essere umano”, conclude Felice Dell’Orletta, presidente di Talia e primo ricercatore del CNR.