La statistica

Più Sim che persone: nel mondo ce ne sono 8,2 miliardi

Più Sim che persone: nel mondo ce ne sono 8,2 miliardi
Le schede telefoniche superano la popolazione mondiale. E crescono gli abbonamenti alle connessioni 5G: ora sono a quota 660 milioni
2 minuti di lettura

Nel mondo ci sono più Sim che persone: sono oltre 8,2 miliardi e dominano, spinte anche dalla pandemia, gli abbonamenti mobile broadband, cioè quelli a banda larga che consentono di utilizzare app e servizi online in mobilità; intanto, quelli con connessione 5G hanno toccato quota 660 milioni in tutto il mondo.

Sono i dati aggiornati del Mobility Report di Ericsson, diffusi a pochi giorni dall'inizio del Mobile World Congress, la più grande fiera della telefonia mobile, che si tiene ogni anno a Barcellona e quest'anno torna dal 28 febbraio: "Ormai è un dato di fatto che le Sim in circolazione superano la popolazione umana mondiale, con un tasso di penetrazione pari al 104%", hanno spiegato da Ericsson, commentando i dati relativi all'intero 2021. Che si è appunto chiuso con circa 8,2 miliardi di Sim, una sigla che sta per Subscriber Identity Module, cioè Scheda Identificatrice dell'Abbonato.

Nel solo quarto trimestre del 2021, gli abbonamenti alla rete mobile sono cresciuti di 24 milioni di unità: il maggior contributo trimestrale proviene dalla Cina (+5 milioni), seguita da Stati Uniti (+4 milioni) e Pakistan (+3 milioni). Il rapporto fotografa anche la crescita continua dell'utilizzo di Internet da dispositivi mobili, un incremento spinto anche dal coronavirus: nel quarto trimestre del 2021, il numero di abbonamenti di tipo mobile broadband è aumentato di circa 80 milioni, per un totale di quasi 6,9 miliardi, con un aumento del 6% anno su anno (oggi l'85% degli abbonamenti mobile sono di tipo broadband).

La crescita degli abbonamenti mobile a banda larga e il sempre maggiore consumo di video, porta anche a un aumento del traffico dati in mobilità, che è cresciuto del 44% tra il quarto trimestre del 2020 e lo stesso periodo del 2021, per raggiungere gli 80 exabyte: è un ammontare enorme di dati, che equivale a quello che sarebbe generato dallo streaming 24 ore al giorno, per un intero mese, fatto da tutti gli abitanti di Italia e Spagna insieme di un video in qualità Full Hd.

Da un punto di vista della tecnologia usata per accedere a Internet in mobilità, si registra una crescita degli abbonamenti Lte, uno standard di connessione che permette l'accesso alla banda larga anche su reti mobili: nell'ultimo trimestre del 2021 sono aumentati di circa 37 milioni, arrivando a un totale di 4,7 miliardi, ovvero il 57% del totale. Nello stesso periodo, gli abbonamenti 5G hanno fatto registrare una crescita di 98 milioni, toccando quota 660 milioni in tutto il mondo.

Sempre secondo il Mobility Report di Ericsson, sono 200 gli operatori che hanno creato servizi con reti di quinta generazione e almeno 20 coloro che hanno implementato le cosiddette reti 5G stand-alone, cioè completamente autonome; insomma, il 5G "è sulla buona strada per diventare la tecnologia mobile dominante entro il 2027".