In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
CALCIO SERIE C

Padova, mister Oddo al primo allenamento «Non voglio facciate errori di concetto»

Ha pranzato alla club house della Guizza, insieme al ds ha parlato alla squadra. Poi prove in campo con il 4-3-3

Stefano Volpe
2 minuti di lettura

Stefano Volpe / PADOVA

L’era di Massimo Oddo è cominciata ieri mattina, dopo il risveglio più cupo della stagione per i colori biancoscudati. Con il pareggio contro il Legnago e la contemporanea vittoria del Sudtirol, il Padova è scivolato a 10 punti dalla prima in classifica compromettendo le speranze di agguantare la promozione diretta in Serie B.

Serve ricostruire e da ieri la società si è affidata ufficialmente al tecnico abruzzese, liberatosi dal contratto che lo legava fino a giugno al Pescara. Oddo ha firmato per quattro mesi con opzione di rinnovo in caso di salto di categoria. Oggi verrà presentato alla stampa ma già ieri ha conosciuto la squadra e diretto il primo allenamento. Terminati gli impegni televisivi a Milano, il 45enne ex terzino della Nazionale era in città già ieri mattina e ha pranzato alla club house del Petrarca alla Guizza assieme al direttore sportivo Mirabelli. Subito dopo ha raggiunto i campi di allenamento e prima di entrare in spogliatoio ha voluto riprendere le strutture con un video registrato con il proprio telefono. Poco prima delle 14 è stato raggiunto negli spogliatoi dalla squadra e accompagnato, oltre che da Mirabelli, dall’amministratore delegato Alessandra Bianchi. La dirigenza ha presentato l’allenatore alla squadra e il tecnico ha parlato brevemente, preferendo subito scendere in campo e iniziando l’allenamento anche una decina di minuti prima del previsto.

Oddo ha pochissimo tempo a disposizione prima del debutto in campionato domenica all’Euganeo contro la Pro Sesto. Per questo ha voluto subito concentrarsi sulla parte tattica e sulla disposizione della squadra in campo. Esercitazioni, partitelle a campo ridotto e soprattutto diverse prove di sviluppo della manovra offensiva. Il modulo non cambierà, inizialmente si continuerà con il 4-3-3 per il quale è stata costruita la squadra e sul quale il tecnico ha lavorato ieri. In campo Oddo ha parlato molto con i suoi, senza mai alzare la voce, mantenendo sempre un tono sereno e spiegando dettagliatamente diversi movimenti che intende vedere in partita: «Non mi interessa se sbagliate tecnicamente, l’importante è non fare errori di concetto».

A disposizione aveva il gruppo di calciatori che mercoledì non ha giocato o è entrato in campo solo nella ripresa. I titolari hanno effettuato lavoro di scarico, mentre erano assenti Gasbarro e Ajeti:sono rimasti a riposo e oggi approfondiranno l’entità dei rispettivi infortuni muscolari, ma è difficile possano essere in campo già domenica. Al fianco di Oddo c’è sempre stato Raffaele Longo, ma nei prossimi giorni arriverà il suo vice storico, Marcello Donatelli, bloccato da un lutto familiare.

Intanto la Lega Pro ha diramato il calendario di playoff e playout. Gli spareggi cominceranno la settimana dopo la fine della stagione regolare, domenica 1 maggio. Il Padova se dovesse entrare in scena come seconda (scenario al momento più probabile) esordirebbe martedì 17 maggio con l’andata dei quarti di finale, esattamente 23 giorni dopo l’ultima gara di campionato. Il ritorno sabato 21 maggio. Semifinali mercoledì 25 maggio e domenica 29. Finale d’andata domenica 5 giugno, ritorno domenica 12. —

I commenti dei lettori