Fiorentina dilaga, Napoli fuori. Il Milan elimina Sheva



Amara Coppa Italia per un Napoli molto nervoso – chiude la gara in 9 uomini – e battuto al Maradona 5 a 2 dalla Fiorentina di Italiano. Il termometro degli umori sono le due espulsioni di Lozano e Ruiz, con il messicano autore di un’entrata killer sul malleolo di Gonzalez. Non una sua peculiarità, anzi. È la prima volta in otto anni che gli azzurri escono al primo turno di una competizione vinta nell’ultimo decennio per ben tre volte. Ai quarti di finale vanno i toscani. Gli azzurri sono costretti a inseguire la Viola che passa per due volte in vantaggio con Vlahovic (44’) e Biraghi (57’). Score pareggiato prima da Mertens (44’) e poi da Petagna in tempo di recupero che col destro, non il suo piede, batte Terracciano. Ai supplementari Venuti (106’), Piatek (108’) e Maleh (119’) crivellano i campani non più lucidi. Spalletti commenta: «Non c’è niente da salvare di questa partita. Tutto abbastanza complicato nella gestione. Ho messo in campo la stessa formazione di domenica scorsa. I subentrati sono fermi da giorni».


Milan-Genoa, invece, si è decisa ai supplementari: 3-1 per i rossoneri. Ai tempi regolamentari il match è terminato 1-1: gol di Østigard al 17’, pareggio di Giroud al 74’. Decidono poi Leão al 102’ e Saelemaekers al 112’. Ai quarti il Milan affronterà la vincitrice del confronto tra Lazio e Udinese del 18 gennaio. La Fiorentina affronterà l’Atalanta il 9 febbraio a Bergamo. Per gli ottavi la Juve giocherà contro la Samp. Mercoledì Sassuolo-Cagliari e Inter-Empoli. Giovedì Roma-Lecce all’Olimpico. —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

A Gardaland apre Jumanji la nuova attrazione che fa l'occhio all'archeologia. L'anteprima

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi