Napoli in emergenza A Mosca per vincere



È emergenza piena nel Napoli di Spalletti che deve affrontare da primo del girone a Mosca (ore 16.30, arbitro Turpin) lo Spartak per la quinta di Europa League senza i due migliori attaccanti come Osimhen ed Insigne. Il nigeriano ieri si è operato nell’area dello zigomo dopo lo scontro con Skriniar a San Siro e l’intervento è stato più articolato del previsto: la prognosi è di 90 giorni.


Insigne ieri non è partito con la squadra per un’infiammazione al ginocchio. Out anche Anguissa, Ounas con i positivi Demme, Politano e Zanoli. Spalletti deve inventarsi ex novo una formazione col rientro a regime di Malcuit e Manolas. Tre ragazzi della Primavera aggregati (Cioffi, Ambrosino e Barba) e il pacchetto centrocampisti ridosso all’osso: solo 4 disponibili. «Possiamo mettere il punto alla qualificazione – ha detto Spalletti – meglio chiudere subito la pratica. Sarà il livello di pressione che riusciremo a imprimere che farà la differenza. A oggi il bilancio è super positivo». I probabili titolari sono Meret tra i pali, la difesa con Koulibaly e Rrahmani (o Manolas) centrali e Juan Jesus con Di Lorenzo sugli esterni. In mediana Ruiz e Lobotka con Zielinski, Lozano ed Elmas a sostegno di Petagna. «Dobbiamo vincere questa partita – ha detto Juan Jesus –. Chi indossa la maglia del Napoli deve sempre dare il 100%». —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Covid, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche per l'informazione"

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi