Due gol all’Albinoleffe, il Padova vince e sale al secondo posto in classifica

L'esultanza di Chiricò (FOTO PIRAN)

Grande protagonista Cosimo Chiricò, che sblocca il risultato dopo 6 minuti con un bolide dai trenta metri. A rete anche Jelenic

PADOVA. Il Padova scaccia le paure, torna a vincere e convincere, consolidando il secondo posto in classifica a meno uno da un Sudtirol che non smette di correre.

Tutto l’ambiente si aspettava una risposta di carattere dalla squadra di Pavanel che non ha tradito, battendo 2-0 l’Albinoleffe al termine di una prova dominata dal primo all’ultimo minuto. Grande protagonista Cosimo Chiricò, che sblocca il risultato dopo 6 minuti con un bolide dai trenta metri sotto l’incrocio e corre ad esultare verso la panchina per abbracciare compagni e staff tecnico.

L’esterno sembra tornato sui livelli dello scorso anno, illumina il gioco di un Padova che si fa apprezzare per intensità e manovra collettiva. Al 36’ arriva il raddoppio, propiziato ancora da Chiricò che recupera un pallone perso malamente dall’Albinoleffe al limite della propria area, scarica verso la porta trovando la respinta del portiere.

Sulla palla vagante si avventa Jelenic che insacca il suo primo gol stagionale. Nella ripresa il Padova non si limita a gestire, soffre poco e sfiora anche un paio di volte il raddoppio con la punizione di Ronaldo che sbatte sulla traversa e la testata di Santini che sfiora il palo. Per la prima volta dopo sette partite Donnarumma torna a mantenere la porta inviolata, l’Euganeo esulta e il Padova si prepara adesso alla sfida casalinga di Coppa Italia contro l’Entella mercoledì alle 15.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mapelli, rettrice dell'università di Padova: ecco i due nostri progettti in area Piovego

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi