Cogitana, tutto sui virgulti del paese per sfidare la Luparense nel derby

La seconda società sanmartinara ha portato i Giovanissimi in alto Il dg Ghion: «Grande orgoglio, raccolti risultati super i pochi anni» 

la storia

San Martino di Lupari è considerata un’oasi dello sport, nonostante gli abitanti siano meno di 15 mila. Luparense calcio, Lupe basket e prima ancora Luparense calcio a 5 hanno contribuito a rendere conosciuto il paesino dell’alta padovana, impegnandosi anche nel settore giovanile. Da 11 anni a questa parte c’è però anche un’altra società calcistica che, pian piano, si è fatta spazio. Nel giugno del 2010 il presidente Gianfranco Bergamin e lo storico dg Marco Aluigi (venuto a mancare due anni e mezzo fa) hanno messo le prime basi per il progetto della Cogitana, dandole il nome dell’antico corso d’acqua sanmartinaro e puntando sui ragazzi del paese. In pochi anni l’obiettivo di avere tutte le categorie giovanili (con circa 200 tesserati) è diventato realtà, a cui va aggiunta una prima squadra capace di conquistare due Coppe Bassano. Mancava l’ultimo tassello, quello dell’ottenimento del livello regionale: con il campionato vinto nel 2020, i Giovanissimi U15 allenati da Andrea Tartaro (ex gloria della Luparense) si sono guadagnati il pass per il piano superiore. Domani ci sarà l’appuntamento con la storia (ore 10.30), per un derby sanmartinaro.


Luparense e Cogitana si sfideranno a Campigo (terreno casalingo dei Lupi), dando vita ad una stracittadina sentita dai ragazzi che compongono le due squadre U15 (‘07 e ’08), oltre che dai tecnici Mario Masini e Alessio Furlan. La settimana che porta alla partitissima è fatta di sani sfottò tra i banchi di scuola, in un paese come San Martino i baby calciatori sono amici e frequentano le stesse compagnie. Per una domenica saranno però avversari sul campo, in quella che rappresenta la parte più sana di questo sport. Se i Lupi rossoblu sono degli habituè a livello regionale, frutto di una storia consolidata e del titolo “Scuola Calcio Elite”, i gialloverdi della Cogitana sentono molto questa sfida. Entrambe le squadre arrivano all’incrocio con 7 punti dopo cinque partite, per un equilibrio che si preannuncia totale.

Il dg Luca Ghion è sicuro che sarà una splendida pagina di sport per tutta San Martino: «Penso si tratti di un pezzo di storia, un derby a livello regionale per una piazza così piccola non è cosa da tutti i giorni. Siamo orgogliosi di prendere parte a questa sfida, sentita da giocatori, staff tecnico e parte dirigenziale. È grazie all’impegno di tutti che questa società è riuscita a ottenere questi risultati in pochi anni. Sto portando avanti l’ottimo lavoro di una figura eterna come Marco Aluigi, lui sarebbe orgoglioso nel vedere la crescita genuina della sua creatura. Ai ragazzi dico di divertirsi: al termine saranno solo applausi, a prescindere dal risultato». —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi