Sarri ora si scaglia contro le nazionali «Solo calcio-show»

All’Olimpico attesa la sfida tra Lazio e Inter Prima volta di Inzaghi contro i biancocelesti 

il caso



«Il calcio attuale è questo, non mi appartiene più. È diventato uno show». Alla vigilia di Lazio-Inter (oggi in campo alle 18 allo stadio Olimpico) Maurizio Sarri sfoga il malumore contro le soste del campionato. «Certi giocatori si allenano più con le nazionali che con noi. Non è più calcio, io sono innamorato di altro».



Questa sfida in zona Champions League vede la Lazio affrontare un pezzo del suo passato. All’Olimpico arriva l’Inter di Simone Inzaghi, che da giocatore prima e da allenatore poi ha trascorso ventidue anni della sua vita nella Capitale. Anche lui non ha gradito la gestione della pausa per le nazionali.

In Spagna la Liga ha rimandato diverse partite dopo la sosta per le nazionali, per poter salvaguardare i propri club impegnati nelle Coppe europee. «Sono stati bravi – commenta Inzaghi – ma ora per noi è tardi, il problema andava affrontato prima».

Dei sudamericani, Lautaro dovrebbe essere in campo. Sanchez e Vidal andranno a Milano, senza neanche passare da Roma, mentre Correa e Vecino saranno in panchina come previsto. Quanto all’accoglienza, il tecnico è fatalista: «So che ci saranno fischi e applausi, ma fa parte del mestiere. Li accetterò, i tifosi biancocelesti sanno che ho sempre dato tutto». —



Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi