Petrarca nella tana Mogliano «Sarà una gara di sacrificio»

Tuttoneri primi in classifica con 14 punti a caccia del quarto exploit consecutivo Coach Marcato mette in guardia: «Lottano fino alla fine, dovremo combattere»

PADOVA

Cerca il poker oggi a Mogliano l'arrembante Petrarca leader della classifica del Peroni Top 10. Primi con 14 punti dopo tre successi nelle prime tre giornate, la squadra di Padova affronta una trasferta da sempre ostica, dal profumo di derby e con i biancoblù padroni di casa che vorranno riscattare la prova incolore offerta in Coppa Italia, l'11 settembre, quando furono travolti 61-5 al Plebiscito.


Si gioca alle 16 allo stadio Quaggia, agli ordini di Chirnoaga di Roma, assistito da Bruno di Udine e Rizzo di Ferrara, con quarto uomo Toneatto di Udine, e non è prevista la diretta in streaming. Reduci dall'importante vittoria di misura nello scontro al vertice con il Valorugby Emilia, gli uomini di Marcato e Jimenez dovranno sforzarsi di mettere da parte l'euforia per il primo posto difeso con le unghie e allo stesso tempo dimenticare la comoda passeggiata settembrina ai danni di un Mogliano ancora in fase di rodaggio. Mogliano è in evidente crescita: dopo aver dovuto rinviare il debutto con Rovigo per un caso di covid in squadra, i trevisani allenati da Costanzo hanno ceduto onorevolmente al Calvisano, senza far punti, e tenuto testa al sorprendente Colorno sabato scorso, perdendo 37-30 ma portando a casa un doppio bonus. In formazione ci sono tre ex tuttoneri: Cerioni, Derbyshire e Fadalti, più Notariello in panchina. Il pronostico pende comunque dalla parte del Petrarca, che scenderà in campo con alcune novità rispetto a sabato scorso: il giovane Ferrarin mediano d'apertura, Schiabel e De Sanctis alle ali e il rientrante Ghigo in terza linea al posto del finora sempre presente Casolari.

«Dobbiamo andare a Mogliano consapevoli che sarà una partita estremamente difficile sia sul piano fisico che mentale, perché è uno dei campi più ostici del Top10», sottolinea Andrea Marcato, head coach Petrarca, «E' una squadra che migliora di partita in partita, sta trovando l’amalgama con i permit player di Treviso e lotta sempre fino alla fine. Inoltre è solida in mischia e nelle fasi di conquista ma ha anche qualità e giocatori interessanti nei trequarti, con percentuali alte di realizzazione grazie a Ormson. Aspettiamoci una gara di sacrificio e combattuta fino alla fine, tra l'altro un derby».

FORMAZIONI.

Petrarca: Lyle; Schiabel, De Masi, Sgarbi, De Sanctis; Ferrarin, Tebaldi; Trotta (cap.), Makelara, Ghigo; Canali, Galetto; Pavesi, Cugini, Borean. A disposizione: Spagnolo, Di Bartolomeo, Hasa, Michieletto, Goldin, Citton, Faiva, Broggin. Mogliano: Ormson; Fadalti, Drago, Cerioni, Dal Zilio; Sante, Garbisi; Derbyshire (cap.), Meggiato, Finotto; Bocchi, Lamanna; Alongi, Ferraro, A. Ceccato. Adisp. Bonanni, Ros, Notariello, N. Ceccato, Carraro, Semenzato, Falsaperla, Pratichetti. —

Simone Varroto

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Strage Salvemini, 31 anni dopo: il corteo dei mille studenti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi