Italia al Mondiale con Usa e Canada Irlanda fuori, Scozia al ripescaggio

Nazionale femminile. Le “nuove” azzurre dopo la qualificazione a parma 

PARMA

Un terzo del Sei Nazioni femminile è per ora fuori dal Mondiale (nominalmente 2021) che si disputerà l’anno prossimo in Nuova Zelanda (debutto Italia-Usa il 9 ottobre a Whangarei nella poule B assieme alla favorita per il titolo Canada e la qualificata di Asia 1): è il verdetto choc delle Qualificazioni disputate a Parma che, non tenendo conto del ranking delle Nazionali hanno concentrato al Lanfranchi un girone della morte con quattro delle prime dieci al mondo (Italia da oggi al 7°) e solo un pass mondiale sicuro e un ripescaggio. Il clou sabato dopo i primi due turni che hanno visto allinearsi in classifica tutte a pari punti.


Per questo dopo la vittoria delle nuove Azzurre (un mix di esperienza e giovanissimi talenti, padovane e venete in maggioranza) contro la Spagna (34-10) e in attesa di Scozia-Irlanda (finita 20-18 allo scadere), staff e giocatrici stavano cercando di capire dove e come si sarebbe giocato il ripescaggio. L’ipotesi era quella di una facile vittoria delle irlandesi con tanto di bonus sulle scozzesi, considerate il fanalino di coda del 6 Nazioni. Ipotesi prime a 10 punti, con l’Italia al ripescaggio per la classifica avulsa decisa dallo scontro diretto.

Ma Flood e compagne sono cadute nel dramma di una partita irrisolta dopo un’ora e allora hanno puntato al risultato minimo (bastava il pari per il 2° posto) e sono passate a piazzare i calci invece di cercare touche in zona meta.

Manuela Furlan, capitana che sta traghettando il gruppo al suo clou nel 2019 (2° al Sei Nazioni) al passaggio generazionale, è soddisfatta: «La Spagna era un grosso punto di domanda. Non sapevamo come decifrarla. La sconfitta con la Scozia non la rendeva meno temibile. Ci siamo concentrate su quello che volevamo noi. E la cosa più bella è che le new entry si sono inserite nei meccanismi già rodati. Un gruppo fantastico». «Chiunque stia fuori dal mondiale delle quattro è un vero peccato» dice il ct Andrea Di Giandomenico «Per noi questa la qualificazione significa lavorare con calma per il Mondiale e programmare il futuro con le forze nuove. Sono stati due anni in “bolla” duri da gestire. Un ringraziamento vero alla Fir per il supporto».––





Video del giorno

Mapelli, rettrice dell'università di Padova: ecco i due nostri progettti in area Piovego

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi