I vivai di Galliera e Tombolo si fondono per crescere come Virtus Alta Padovana

GALLIERA VENETA

Galliera e Virtus Tombolo insieme sotto il nome di Virtus Alta Padovana per un settore giovanileambizioso. Allo stadio di Galliera è stata resa ufficiale la fusione tra questi due paesi vicini per cercare di offrire ai ragazzi un nuovo ambiente calcistico, fatto di allenatori competenti e di strutture all'altezza. «Non siamo qui per rinnegare il passato fatto di due società distinte, ma siamo qui per unire le forze e cercare di dare il più possibile ai ragazzi», spiega Giovanni Bonaldo, vicepresidente della nuova società appena nata. «Dobbiamo cercare di abbattere questo campanilismo che va a contrasto con ragazzi che dal punto di vista numerico sono sempre meno nelle squadre dei paesi.


Galliera e Virtus Tombolo collaborano già da due anni, poi questa situazione pandemica e il calo conseguente di sponsor ha di fatto accelerato un progetto che avevamo in mente già da tempo», aggiunge Patrizio Stragliotto, presidente di questa nuova realtà. Se il Galliera si terrà comunque a suo nome la squadra di prima categoria e la juniores provinciale, ecco che dai piccoli amici fino agli allievi ci sarà spazio per tanti ragazzi. L'obiettivo principale è quello di creare una decina di squadre, per cercare di raggiungere anche l'iscrizione ai campionati regionali per quanto riguarda soprattutto giovanissimi e allievi, senza dimenticare per i giovani calciatori la possibilità di farsi notare dal Vicenza o dal Cittadella di turno, o debuttare nella prima squadra del Galliera.

Educatori ed allenatori dotati di patentino per le squadre, come spiega Attilio Beghetto, supervisore di tutte le squadre e fratello di Massimo Beghetto, ex giocatore del Vicenza: «Vogliamo creare un ambiente ludico-didattico, dove alla base resta il gioco ed il divertimento. Abbiamo il desiderio di far crescere i ragazzi sia da un punto di vista sportivo, sia da un punto di vista comportamentale con l'obiettivo di toglierci delle soddisfazioni a breve e lungo termine». —



Video del giorno

Agrigento, l'appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita: "Ho sbagliato, vaccinatevi tutti"

Insalata di lenticchie, spinaci, sedano e cipollotto al limone

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi