Si corre a Imola, Valle dei motori Leclerc: credo nel progetto Ferrari



INVIATO A IMOLA


«Essere in pista a 90 chilometri dalla fabbrica dà una strana sensazione». Charles Leclerc ha tirato fuori dall’armadio la tuta rossa invernale che quest’anno non aveva indossato nemmeno durante i test. Il freddo ha fatto disastri nelle campagne intorno all’autodromo di Imola. «Era più caldo in novembre», ricorda. Domenica correrà il primo Gran premio di casa dell’anno, a neanche un’ora di macchina dall’appartamento che ha vicino a Maranello per affrontare in presenza le riunioni con gli ingegneri della Ferrari. E per giocare a padel con il compagno di squadra Carlos Sainz, pure lui trasferito nella via Emilia. Casa-circuito in meno di un’ora, senza trasferimenti in aeroporto né viaggi interminabili. Leclerc correrà di nuovo su strade familiari il 23 maggio a Montecarlo, dove è nato e risiede, e poi il 12 settembre a Monza (l’Italia è l’unico Paese a ospitare due gare nel 2021).

il pronostico

Imola è nel cuore della Valle dei motori: qui nascono Ferrari e AlphaTauri, Lamborghini e Maserati, Ducati e Pagani. Il calendario stravolto dal Covid ha offerto all’Italia la seconda gara della stagione, intitolata al Made in Italy e all’Emilia Romagna. Il pronostico è facile: Verstappen cerca la rivincita su Hamilton, e la Red Bull sulla Mercedes: loro saranno i protagonisti della gara e del campionato. La Ferrari fa parte del gruppo che si contenderà il terzo posto fra i costruttori assieme a McLaren, Aston Martin e Alpine. L’AlphaTauri di Faenza, già vincitrice a Monza nel 2020, può essere una delle rivelazioni di stagione.

«È la prima volta che corro in Italia con una macchina italiana, quindi sarà un fine settimana speciale, anche se me l’ero sognato diverso – spiega Sainz –. Speravo di correre davanti a centomila tifosi, peccato che non ci sarà nessuno. Il made in Italy? A me per prima cosa fa venire in mente la Ferrari, poi i tanti marchi importanti che ci sostengono». In Bahrein, Charles aveva chiuso al sesto posto e Carlos all’ottavo: i piazzamenti in zona punti sono preziosi, però la Valle dei motori merita di più.

novità importanti

La Ferrari SF21 si presenta a Imola con novità importanti: la parte sotto il muso e il diffusore posteriore sono stati ridisegnati per aumentare il carico aerodinamico, le nuove ali per ridurlo, in moda da migliorare l’efficienza generale.

Non basterà a vincere, ma sono le basi del progetto 2022, quello che, nelle intenzioni, dovrà riportare la Rossa al ruolo di protagonista. Negli obiettivi a breve termine c’è il ritorno al successo, perché un secondo anno di digiuno sarebbe insopportabili. Sainz continua il processo di apprendimento, «perché la McLaren era diversa da guidare e devo prendere fiducia per arrivare al limite».

Leclerc spera prima o poi di pescare il jolly in una gara densa di imprevisti come fu l’ultimo Gran premio d’Italia vinto da Gasly. E soprattutto investe nel futuro: «Credo fermamente nel progetto a lungo termine, la Ferrari è stata la scelta giusta». È la sua promessa. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi