Il Covid morde le Lupe che chiudono in anticipo la stagione

Sono saliti a 15 i contagi tra giocatrici e staff tecnico Il Fila San Martino dovrà  rinunciare al primo turno dei  playoff fissato per il 16 aprile

San Martino di Lupari

Il focolaio Covid al Fila San Martino è peggiorato col passare dei giorni. Il contagio si è allargato a macchia d’olio, coinvolgendo ben 15 elementi tra gruppo squadra e staff tecnico. Tutto è cominciato dopo la trasferta di Battipaglia dello scorso 28 marzo, la società ha immediatamente isolato le prime positive, ma i contatti con le compagne c’erano già stati e la situazione è degenerata in poco tempo. Da lì il primo rinvio con l’Use Scotti Empoli e quello di sabato contro Vigarano, di fatto due annullamenti visto il termine perentorio della Lega di terminare tutte le gare, recuperi compresi, entro il 10 aprile. Le brutte notizie non finiscono però qui, in quanto le Lupe dovranno rinunciare anche a disputare il primo turno dei playoff contro Schio. L’inizio della post season è infatti fissato per il 16 aprile e le lunghe procedure sanitarie a cui adempiere non lasciano spazio per ulteriori speranze. La stagione del Fila si può quindi dichiarare conclusa, come spiega il presidente giallonero, Vittorio Giuriati: «Il nostro immediato obiettivo è recuperare la salute delle ragazze e dei componenti dello staff, la questione sportiva passa in secondo piano. Come società abbiamo già inoltrato alla Fip la comunicazione relativa alla rinuncia per quanto riguarda i playoff, che ci avrebbero visti competere con il Famila Schio. È un peccato, questa situazione ci colpisce nel momento clou della stagione, fino a due settimane fa non avevamo riscontrato nessun tipo di problema».


Amarezza comprensibile quella di Giuriati, considerando l’ottimo momento di forma che le sue ragazze stavano attraversando: «Avremmo potuto anche girare al sesto posto al termine della regular season, vincendo due partite non impossibili contro Empoli e Vigarano. Ciò ci avrebbe permesso ci scendere a Ragusa e affrontare una squadra sì molto forte, ma forse un po’ più abbordabile rispetto a Reyer e Famila. Ci siamo però trovati al centro di questo vortice Covid e ora cerchiamo di ritrovare la salute. Il lato positivo è aver dato molto spazio alle nostre giovani, alcune delle quali sono cresciute esponenzialmente e affronteranno il prossimo campionato con più maturità e meno pressione».

È un finale che non rende merito al grande lavoro svolto dal team giallonero in questi anni, Giuriati spera di vedere l’altro lato della medaglia in vista della prossima stagione: «La speranza è quella di riprenderci un po’ di fortuna nella prossima stagione. Ci sono state tante vicissitudini in questi mesi, credo quindi che possiamo dire di essere un po’ in credito con la buona sorte. Rimbocchiamoci le maniche e continuiamo con il nostro progetto, le Lupe torneranno». —

lorenzo aluigi

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi