Con il primo squillo di stagione buona la prima per Russo

L’atleta della Work Service Speedy Bike taglia il traguardo nella gara di apertura della stagione juniores sul circuito di Calenzano. Perfetto il gioco di squadra 

Padova

La domenica che ha sancito ufficialmente l'apertura della stagione su strada in Veneto, ha trovato tra i propri protagonisti gli atleti e i team padovani.


A regalare il primo successo del 2021 alla Work Service Speedy Bike è stato lo juniores Vincenzo Russo che, alla prima uscita stagionale, si è aggiudicato la sfida di Calenzano (Fi). Dopo aver incassato un buon settimo posto con Andrea Violato martedì scorso nella cronometro individuale di San Benedetto del Tronto, i giovani atleti di patron Massimo Levorato sono stati bravi a inserirsi nella fuga di 10 corridori che ha deciso le sorti della corsa toscana.

Perfetto il gioco di squadra messo in atto da Andrea Raccagni Noviero, Luca Tornaboni e Vincenzo Russo che ha consentito proprio a quest'ultimo di allungare negli ultimi chilometri in compagnia dello slovacco Svrcek. Lo sprint a due ha visto prevalere il ragazzo diretto da Matteo Berti e Fabio Camerin che è riuscito a imporre il proprio spunto veloce e a tagliare la linea del traguardo a braccia al cielo.

Sullo stesso traguardo, terzo posto per Luca Tornaboni e decimo per il veneziano Samuele Mion entrambi della Work Service Speedy Bike.

«Voglio fare i complimenti a tutti i nostri ragazzi che hanno corso da squadra vera, riuscendo a controllare una prova che sulla carta era imprevedibile» ha sottolineato il ds della Work Service Speedy Bike Matteo Berti, «Abbiamo cercato di fare gara dura sin dall'inizio per permettere ai nostri atleti di emergere e si è rivelata una scelta vincente: sono particolarmente felice per Vincenzo perchè merita questo successo dopo aver superato ogni tipo di difficoltà nei mesi passati. Ciò che mi rende particolarmente orgoglioso del risultato odierno, però, è la prova corale con cui siamo riusciti a imporre il nostro gioco e a piazzare due ragazzi sul podio» ha osservato ancora, «Proseguendo su questa strada, sono certo che ci sarà spazio per raccogliere altre importanti soddisfazioni nelle prossime settimane».

Nella prima gara per Elite-Under 23 disputata in Veneto, a Silvella di Cordignano (Tv), da segnalare il successo del colombiano Nicolas Gomez (Colpack Ballan).

Al termine di una prova molto combattuta il ragazzo, diretto dall'ex professionista padovano Flavio Miozzo, ha regolato allo sprint il velocista di San Martino di Lupari, Elia Menegale (Zalf Euromobil Désirée Fior) che ha dimostrato ancora una volta di essere tra i più competitivi negli arrivi a ranghi compatti. Completa il podio il friulano Alessio Portello (Zalf).

Sullo stesso traguardo, al mattino, hanno gareggiato anche gli juniores per il tradizionale Giro delle Conche: nella prova vinta grazie a una azione da perfetto finisseur del trevigiano Alessandro Pinarello (Borgo Molino), si sono messi in luce anche i giovani atleti della Guadense Rotogal diretti da Serhiy Honchar: settimo posto per Giacomo Fraccaro e nono di Alessandro Crosato.

Infine, prosegue il buon momento di Samuele Zoccarato (Bardiani CSF) che, al Gp Izola andato in scena sulle strade slovene, dopo aver propiziato il successo del compagno di squadra Mirco Maestri, ha colto il suo primo piazzamento tra i professionisti, chiudendo al decimo posto. —

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi