Rebellin firma per la Work Service a 49 anni

L’atleta: «La bici rappresenta molto più di un lavoro e di una passione: fino a che il fisico mi supporta, vado avanti»

PADOVA

Il 2021 sarà il suo ventesimo anno tra i professionisti e Davide Rebellin, vicentino di Lonigo, classe 1971, si appresta ad affrontarlo con la casacca della Work Service Marchiol Vega; ad accoglierlo nella propria formazione continental sono stati il patron Massimo Levorato e il presidente della storica Us F. Coppi Gazzera Videa, Renato Marin. Si tratta di un ritorno “a casa” ricco di motivazioni e di stimoli per Rebellin che, a partire dal Trofeo Laigueglia del prossimo 3 marzo, continuerà a pedalare in gruppo per essere un punto di riferimento per i giovani diretti dagli ex ciclisti professionisti, Biagio Conte e Mirco Lorenzetto.




«Ho sempre seguito con grande ammirazione Davide e per noi è un grandissimo onore poterlo avere all’interno della nostra rosa. Lui è un esempio di impegno e abnegazione per tutti gli sportivi, una vera e propria fonte di ispirazione per tante giovani promesse che crescono tra le fila del nostro team” ha sottolineato Massimo Levorato che in questo 2021 con il brand Work Service schiererà ai nastri di partenza la consueta folta formazione juniores, la squadra continental e sarà al fianco del team professional della Androni Sidermec diretto da Gianni Savio. «L’ingaggio di Rebellin, oltre ad essere un importante passaggio nell’evoluzione della nostra squadra continental, rappresenta un valore aggiunto anche per lo sviluppo dell’attività di Dynatek. Una azienda padovana giovane e dinamica che punta sull’italianità e sulla tecnologia delle proprie biciclette per affermarsi sul mercato delle due ruote».



Entusiasta della novità Davide Rebellin: «Per me il ciclismo rappresenta molto di più di un lavoro e di una passione: fino a quando il mio fisico e la mia testa me lo consentiranno vorrei continuare a pedalare. Un po’ mi rivedo nei miei giovani compagni di squadra, nelle loro aspirazioni e nei loro progetti. Più che insegnare loro qualcosa vorrei trasmettere a tutto il team le emozioni che ogni giorno mi regala la bicicletta; sono felice di essere entrato a far parte anche della grande famiglia di Dynatek. Mi piace la filosofia che accompagna questo brand, la volontà di dare vita ad un prodotto di alta tecnologia interamente italiano e la ricerca delle prestazioni che accompagna ogni progetto».



Un atleta di spessore che, insieme ai 15 giovani atleti già in rosa, fa la felicità di Renato Marin: «Davide è ancora oggi un atleta di altissimo livello che, grazie ad una vita da sportivo vero e a degli allenamenti mirati, sa essere competitivo anche in appuntamenti di assoluto primo piano. Accompagnarlo con i nostri colori nel tentativo di battere anche il record di longevità sportiva è un grandissimo piacere» ha concluso il numero uno della Us F. Coppi Gazzera Videa che anche quest’anno sarà parte vitale del team Work Service Marchiol Vega. —



Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi