Antenore Energia batte Senigallia la banda Rubini ritrova la vetta

Vittoria al cardiopalma con i padroni di casa che si fanno raggiungere nel finale Debutta Kevin Brigato che è anche top scorer del match con 18 punti

RUBANO

L’Antenore Energia Virtus si prende due punti importantissimi contro Senigallia e si arrampica a quota 16 ritrovando la vetta. A Rubano finisce con un 77-73 al cardiopalma figlio di una gara finita sulle montagne russe. Ma con questo successo l’obiettivo playoff per la banda neroverde ora si fa più vicino. Virtus inizia il match con importanti novità: coach Rubini getta nella mischia il neo-tesserato dell’ultimo minuto Kevin Brigato, guardia classe ’98 trevigiana con grande esperienza di B che sarà anche a sorpresa top scorer del match con 18 punti. Al 6’ un 17-6 in favore dei padroni di casa costringe ad un time-out il coach ospite Paolini, ex allenatore in A1 di Pesaro.


Positivi anche i primi minuti di Brigato che rompe il ghiaccio con 7 punti: una buona intesa con i compagni infatti c’è già per i vari allenamenti da aggregato. A sorpresa Padova entra in fase calante nel finire di un primo quarto che si chiude comunque 22-15. Un trend negativo che però si conferma anche in avvio di secondo periodo, con la luce che svanisce per ben 5 minuti di black-out in cui il canestro svanisce e con Gurini per gli ospiti che mette a referto il sorpasso sul 22-23. Ad accendere la lampadina ci pensa Denik che arma il controsorpasso di Morgillo (24-23). L’Antenore Energia riprende smalto e i canestri di Rizzi, Schiavon e Pellicano costruiscono il 36-27 con cui si va all’intervallo. Negli ultimi secondi Virtus si porta sul 73-71 ancora con un monumentale Bianconi ma un clamoroso harakiri difensivo concede il 73 pari a 16’’ dal termine. Il canestro di De Nicolao e una grande difesa di Bianconi valgono il 75-73 a 8’’ dalla fine, con Ferrari che sulla sirena suggella il +4 finale. Gran fatica, ma la vittoria c’è. —

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi