Campodarsego, inizia il tour de force dei recuperi Oggi l’ostacolo Bolzano

CAMPODARSEGO

Alle 14.30 il Campodarsego è atteso nuovamente nel proprio stadio Gabbiano per la sfida con la Virtus Bolzano.


E’ la prima delle sei partite che i biancorossi devono recuperare, in un tour de force denso di impegni. Sarà comunque fondamentale per la classifica, perché gli altoatesini si trovano attualmente a 17 punti, in zona playout, e dopo il ko interno con la Clodiense intendono risalire la china. Lo sa bene mister Alessandro Ballarin, che avverte i suoi giocatori: «Ci aspetta una gara difficile, contro un avversario tosto e che gioca molto bene. Si tratta infatti di una formazione di ragazzi di qualità tecnica e fisica, assolutamente da prendere con le molle, allenati peraltro da un ottimo tecnico. L'interpretazione da parte nostra non deve cambiare di una virgola, vale per la Virtus così come per tutte le altre squadre che affronteremo. Fondamentale sarà la concentrazione: domenica abbiamo persa per solo un attimo e l'abbiamo pagata a caro prezzo. Ripartiamo perciò da qui, con in aggiunta l’intensità, la voglia e il coraggio che abbiamo messo in campo domenica».

Resta il nodo della condizione atletica, aspetto non da poco dopo uno stop così lungo. Per cui ancora una volta si dovrà fare di necessità virtù. «Siamo ancora al 30 per cento del cento dei nostri normali livelli atletici –spiega il direttore sportivo Andrea Maniero-. Con un calendario così fitto non riusciamo quasi ad allenarci, a malapena proviamo schemi su punizione. Ci sono ragazzi che hanno giocato assieme per la prima volta in queste ultime due gare ufficiali. Più quelli che hanno qualche problema muscolare di troppo, come Haveri, Leonarduzzi e Tardivo, quest'ultimo che è pure stato chiamato a dare il proprio contributo domenica scorsa. La squadra comunque c’è, viste le oggettive difficoltà di partenza sono stati anche troppi bravi». —

R.T.

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi