Una brutta Luparense tiene botta solo un tempo alla fisicità del Mestre

Lorenzo Aluigi / / San Martino

Una brutta Luparense esce sconfitta dal “Casee”. I rossoblu hanno sofferto fin dal principio le folate arancionere, riuscendo tuttavia a passare in vantaggio con la perla di Venitucci. Un imprendibile Fasolo ha rimesso a posto le cose, ribaltando il tutto, è poi mancata la rezione dei ragazzi di Zanini. Mercoledì a Sedico è già tempo di immediata reazione.


Il Mestre comincia con veemenza, i Lupi vengono fuori pian piano, prima con un tiro sbilenco di Santi, poi con la sventola di Venitucci messa in angolo da Secco. L’appuntamento col gol è però solo rimandato: lo stesso Venitucci fa partire una sassata dal limite che si insacca (13’). La reazione mestrina non si fa attendere, con Fasolo che svetta più in alto di tutti: al 21’ è quindi 1-1, partita godibile ed equilibrata. La squadra di Zecchin sfiora il vantaggio, ma Corteggiano spara alle stelle da ottima posizione.

Gli arancioneri arrivano prima su tutti i palloni, mettendo in costante difficoltà Severgnini & Co. L’ultima chance della prima frazione è sempre per il Mestre: palo clamoroso di Telesi e 1-1 all’intervallo. Zanini prova a cambiare qualcosa inserendo forze fresche, ma è sempre il Mestre a fare la partita. E’ il 15’ quando Bacchin stende in area Corteggiano, rigore sacrosanto e trasformazione di Fasolo, che fa doppietta. Condizione atletica straripante per gli Orange, la Luparense non riesce mai ad imbastire un’azione offensiva pericolosa, affidandosi per la maggior parte ai lanci lunghi. I padroni di casa si vedono solo al 36’ con un gran cross teso di G. Zanella e il tocco sporco di Venitucci, poi Frison sale in cielo a seguito di un corner e insacca il meritato tris mestrino. —

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi