Calcio, colpaccio del Padova: preso l'attaccante Biasci dal Carpi

I biancoscudati acquistano uno dei migliori bomber italiani dell'ultimo anno: nel rapporto gol/minuti meglio di lui solo Immobile, Caputo, Mancuso, Forte e Belotti.

PADOVA. Colpaccio a sorpresa del Padova che piazza il primo acquisto del mercato di gennaio prelevando l’attaccante Tommaso Biasci dal Carpi. Con un blitz tanto inaspettato quanto veloce il direttore sportivo Sean Sogliano è riuscito a strappare il “sì” del gioiello emiliano, superando la concorrenza di alcune squadre di Serie B ma sopratutto del Perugia che fino a giovedì sera credeva di aver in mano il giocatore. Alla fine ha scelto il Padova, la società che si è mostrata più decisa nei suoi confronti, nonostante si fosse fatto avanti prima il Perugia, senza però trovare l’accordo definitivo con il Carpi.

Sogliano ha approfittato di questa situazione di stallo per piazzare l’offerta decisiva e portare a casa subito il giocatore. Biasci, dopo un colloquio nella mattinata di ieri con i dirigenti del Carpi, ha ottenuto il via libera a partire per Padova, dove nel pomeriggio si è sottoposto alle visite mediche prima di firmare il contratto. Il giocatore è stato acquistato in prestito con obbligo di riscatto a fine stagione per una cifra che dovrebbe avvicinarsi ai 400 mila euro. Già nelle prossime ore sarà a disposizione di Mandorlini per il primo allenamento con i nuovi compagni e potrebbe esordire anche domenica 17 gennaio quando il Padova tornerà in campo per l’ultima giornata del girone d’andata contro la Sambenedettese. 

Quello che sa far meglio, in ogni caso, è segnare, come testimoniano le statistiche del 2020. Nell’ultimo anno solare Biasci è entrato nella top ten dei migliori attaccanti italiani nelle tre categorie professionistiche, con 14 gol realizzati, alla media di uno ogni 128 minuti giocati. Davanti a lui solo Immobile, Caputo, Mancuso, Forte e Belotti. 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi