Bernardinello, che beffa assurda Mello non basta: rigore decisivo

Pesaro

La grande beffa. Il Bernardinello si arrende al fotofinish ai marziani del Pesaro e torna a Padova a mani vuote, con la consapevolezza di potersela giocare con tutti. Il finale recita 3-2, grande partita degli uomini di Giampaolo che restano a galla fino a alla fine, venendo puniti da un rigore di Cuzzolino a meno di 1’ dal termine. Bastini e Mello sugli scudi, ma non basta: i tre punti sono dei marchigiani. Pressione asfissiante dei padroni di casa in avvio, il Bernardinello fatica ad uscire palla al piede e la squadra di Colini ne approfitta per cercare il vantaggio. Alla prima sfuriata offensiva, però, passano gli ospiti: bella azione in verticale, Fornari lavora un gran pallone e favorisce il tocco sotto misura di Victor Mello (10’). Il gol sblocca mentalmente il Petrarca, che sfiora addirittura il raddoppio (palo di Rafinha), ma soccombe poco dopo a causa della giocata sontuosa tra Marcelinho e Taborda, con l’argentino ex Luparense che trova il punto del pareggio (15’). I marchigiani ora spingono, ma Bastini abbassa la saracinesca in almeno sei occasioni: partita divertentissima e 1-1 all’intervallo. I padovani entrano in campo col piglio giusto, ma Rafinha con sfrutta due contropiedi condotti magistralmente da Parrel. Il Pesaro prova a scuotersi e Bastini si erge ad indiscusso protagonista, come quando disinnesca con il piede un fendente di Marcelinho (32’), mentre dall’altra parte Miarelli risponde con un super intervento su Alba. Il numero uno petrarchino continua ad essere mostruoso, viene però punito dal destro sotto l’incrocio di Fortini che porta avanti i biancorossi (36’). Giampaolo si gioca la carta Mello portiere di movimento e proprio il 18 fa 2-2 al 39’, un rigore di Cuzzolino riporta però subito avanti il Pesaro e lascia l’amaro in bocca ai patavini. —




Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi