Dopo il rinvio con la Reggiana Tavernelli non si ferma «Citta, ora fari sullo Spezia»

/ CITTADELLA

Quando, lo scorso agosto, la società ha annunciato il suo acquisto, in più di qualcuno, sui social, ci ha scherzato su. Un po’ per il cognome, un po’ per lo score con cui si è presentato sotto le mura: quel pesante “zero” alla voce gol fatti, in Serie C col Gubbio. Invece, dopo il 2-0 rifilato al Pordenone, viene da dire che… il Cittadella brinda con Tavernelli. Nel senso di Camillo Tavernelli, 21 anni, subito in rete alla prima da titolare in Serie B. E così, nel fine settimana di riposo forzato - dopo il rinvio della trasferta in casa della Reggiana, piagata da 11 casi di Covid fra i giocatori della sua rosa - conviene ritornare a quanto accaduto appena pochi giorni fa, prima di concentrarsi sul match di Coppa Italia con lo Spezia di mercoledì . «Sono felicissimo», commenta questo attaccante di Città di Castello, «è il primo gol della carriera da professionista, ne avevo segnato uno in Coppa Italia ma mai in campionato. Lì per lì mi è sembrata una rete abbastanza semplice, rivedendola in video devo dire che non lo era così tanto: è stato un bel gesto tecnico. I compagni mi hanno dato sin da subito una grossa mano, aiutandomi ad ambientarmi». Il rinvio ha cambiato i programmi di lavoro granata: oggi, al posto della partita, il gruppo avrà un allenamento mattutino, mentre domani è confermato il giorno di riposo e lunedì riprenderà la preparazione per la gara secca di Coppa Italia, che sarà a porte chiuse. «Noi proveremo a vincere anche quella, proseguendo la scia di questo inizio di stagione. Se c’è una cosa che ho capito è che qui, in un certo senso, c’è l’abitudine a stare nella parte alta della classifica, per cui gli occhi addosso non sono una novità». —




Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi