Preso l’attaccante Beretta 28 anni, svincolato Pronto tra tre settimane

PADOVA

Con un’accelerazione negli ultimi giorni il Padova ha concluso l’undicesimo nuovo acquisto della stagione.


Ieri è stato ufficializzato l’arrivo dell’attaccante Giacomo Beretta, svincolato, che ha firmato un contratto fino al prossimo giugno.

Non l’aveva mai negato Sean Sogliano: se ci fosse stata una buona opportunità si sarebbe fiondato sul parco degli svincolati per rinforzare la rosa. Così è stato, con il ds biancoscudato che ha potuto riabbracciare un suo vecchio pupillo, cresciuto dallo stesso Sogliano nelle giovanili del Varese. Ma perché andare a infoltire un reparto offensivo che conta già su sette giocatori? Non certo per far fronte agli ultimi infortuni, visto che ormai Paponi è sulla via del recupero e nonostante l’ultimo stop di Jefferson, l’attacco a disposizione di Mandorlini ha dimostrato di possedere tante e valide alternative.

L’operazione Beretta, quindi, va inquadrata in un’altra ottica. È una sorta di scommessa dello staff tecnico, che aveva provato a prendere il giocatore già 12 mesi fa, quando tuttavia l’Ascoli non lo voleva lasciar partire e il costo di ingaggio e cartellino avevano rappresentato un ostacolo insormontabile. Ora la situazione si è ribaltata e Beretta ha accettato di firmare con il Padova ad uno stipendio sensibilmente inferiore rispetto a quanto percepiva in Serie B. D’altronde il giocatore (classe 1992) ha bisogno di riscattarsi dopo due annate in chiaroscuro e la recente operazione alla caviglia che hanno indotto l’Ascoli a non rinnovargli il contratto. Fisicamente sta bene ma ha bisogno di ritrovare la forma e non sarà a disposizione prima di tre settimane. —



Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi