Il Padova corre Rosa completa Ecco i 22 scelti

Le novità: dal portiere Voltan (19 anni) al difensore Gasbarro  Della Latta in mezzo al campo e l’attaccante esterno Jelenic

padova

Il Padova ha già trovato i suoi 22 uomini. Quest’anno il direttore sportivo Sean Sogliano ha giocato d’anticipo, muovendosi rapidamente già prima dell’apertura del mercato e consegnando a mister Andrea Mandorlini una squadra completa a due settimane dall’inizio del campionato. Gli ultimi due tasselli, così, saranno piazzati tra oggi e domani, anche se a tre settimane alla chiusura del mercato tutto può ancora succedere.




Il Padova ha trovato i suoi 22 uomini, quelli che l’ultimo cervellotico regolamento della Lega Pro ha stabilito come tetto massimo dell’organico. Rose a 22 e basta, con l’aggiunta soltanto di un giocatore con contratto professionista nato dal 2001 in poi. Un’opportunità che lo staff tecnico biancoscudato non si è voluto far sfuggire, con l’obiettivo di guadagnare il maggior numero di spazio possibile tra i giocatori di movimento. Si spiega così l’ingaggio del promettente portiere Michele Voltan, che domenica prossima compirà 19 anni e sarà chiamato a fare il vice del titolare Vannucchi, che resterebbe quindi l’unico portiere nella lista dei 22. Lo spazio guadagnato è servito quindi a mantenere in organico un attaccante in più. I difensori, infatti, sono otto, i terzini destri Rondanini e Fazzi, i centrali Palagatti, Valentini, Kresic e Andelkovic e il terzino sinistro Baraye. Otto compreso Andrea Gasbarro, l’altro laterale mancino individuato per completare il reparto. Il suo arrivo sembra essere imminente, entro domani Sogliano dovrebbe chiudere sulla base di un prestito con diritto di riscatto per il 25enne di proprietà del Livorno. I centrocampisti, invece, sono sei, vale a dire due per ruolo considerato il 4-3-3 che sarà il modulo di partenza utilizzato da mister Mandorlini. Ai reduci della scorsa stagione Ronaldo, Germano, Matteo Mandorlini e Buglio, si è aggiunto Simone Della Latta, svincolato dal Piacenza, che ha ben impressionato nelle prime uscite. Il sesto centrocampista sarà Emil Hallfredsson, che ha trovato l’accordo per il rinnovo dopo essere arrivato a Padova lo scorso gennaio. L’islandese già oggi si allenerà all’Appiani con il resto del gruppo. Poi c’è l’attacco, che conta addirittura su sette elementi. Paponi è un centravanti di ruolo, ma al suo fianco ci sono Jefferson, Santini e Soleri che possono giocare sia al centro che come esterni del tridenti. Sono vere e proprie ali di ruolo, invece, Piovanello, Nicastro e l’ultimo acquisto Jelenic. Vista così sembrerebbe una situazione ideale, ma ogni rosa, si sa, ha le sue spine. E in questo caso le spine sono rappresentate dai giocatori in esubero.



Per il momento fuori dal progetto ci sono tre calciatori: Pesenti, Serena e Merelli. Il primo, attaccante tra i più pagati dell’organico, non è nemmeno stato convocato per il ritiro, si allena a parte e sta cercando una nuova sistemazione. Non è facile, visto l’ingaggio, l’età e l’ultima stagione un po’troppo altalenante. Ma il Padova deve assolutamente cederlo per non appesantire troppo il budget. Serena, invece, non ha spazio in rosa e sarà prestato in Serie C. Una situazione simile a quella di Merelli, rientrato dal prestito al Rieti, e chiuso dalle nuove norme che hanno indotto il Padova a prendere un portiere giovane come vice Vannucchi.



Se la rosa a livello numerico e di ruoli è completa, non è detto che non ci possano essere nuovi cambiamenti. Ad una condizione: per ogni arrivo dovrà esserci una partenza. Chi tra i 22 non è ancora sicuro del posto? Il Padova potrebbe aggiungere un altro elemento a centrocampo, ma a partire non dovrebbe essere un mediano. Sogliano potrebbe sacrificare il difensore Rondanini (c’è anche Pelagatti che può fare il terzino) o l’attaccante Soleri, visto che contro la Lazio è stato provato anche Buglio in posizione più avanzata.



Questa settimana, infine, dovrebbe essere quella buona per definire gironi e calendari della Serie C, che a scanso di imprevisti partirà il weekend del 26 e 27 settembre. La Corte d’appello federale ha confermato le penalizzazioni per Picerno e Bitonto, con entrambe le squadre che saranno retrocesse d’ufficio in Serie D. Al loro posto oggi sarà ufficializzato il ripescaggio di Foggia e Bisceglie. A quel punto si potrà procedere con la composizione dei gironi, che dovrebbero seguire ancora i criteri geografici in vigore nelle ultime stagioni (nord-est, nord-oves e centro-sud). Mercoledì 16, ma non è ancora certo, si potranno finalmente conoscere i calendari del campionato. —



Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi