“Quattro passi tra Ponti e Canai” in duemila alla marcia di Bovolenta

BOVOLENTA. Una marcia da dieci con lode la “Quattro passi tra Ponti e Canai” di Bovolenta, che ieri mattina ha tagliato il traguardo delle le dieci edizioni con un record di presenze che riempie di soddisfazione gli organizzatori del gruppo Appiedati, capitanato da Argenide Favaro.

Oltre duemila i runner che alle 8 in punto si sono allineati sotto il gonfiabile della partenza nel parco Salvo d’Acquisto.


Vista la mattinata non proprio fredda, molti hanno scelto i tre percorsi maggiori di 10, 13 e 22 chilometri. Le famiglie con codazzo di bambini hanno imboccato invece il tracciato più facile di 3 chilometri. Per grandi e piccoli è stato un salutare “tuffo” nella campagna e lungo le rive del canale Bacchiglione tra Polverara, Brugine e Brusadure.

Ottimi i punti di ristori in particolare anche il rifornimento degli Alpini con pasta e fagioli e vin brulè. «Abbiamo notato con piacere l’aumento del numero di giovani», afferma Argenide Favaro. «In questa decima edizione abbiamo raggiunto numeri record: 1.800 circa gli iscritti dei gruppi e un migliaio circa i singoli. Ho visto volti soddisfatti, abbiamo ricevuto tanti complimenti e questo ci fa molto piacere».

Ben 42 le società in classifica. Con al primo posto, per numero di iscritti, i podisti del Rain Runner di Piove di Sacco seguiti dal Limena Run, dal Cammina Due Carrare, dalle ragazze del Run for Iov di Padova e dal Podisti Tribano. A colorare l’evento sono state anche le giovani del gruppo Libere di correre.

Affollata ieri mattina anche la Camminata di San Valentino di Lusia (Rovigo) del calendario Marciapadova, partita dal centro parrocchiale e organizzata dal gruppo Podisti San Valentino di Ca’ Zen. Tra i gruppi padovani più numerosi da segnalare il Podisti Monselicensi, nono in classifica con 31 iscritti. —

Gianni Biasetto

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi