In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Castelbaldo Masi e Albignasego le due regine della Promozione

Alberto Locatelli
1 minuto di lettura

PADOVA. Sono molte le squadre che rappresentano la nostra provincia nei campi di Promozione. Tra queste Castelbaldo Masi (girone A) e Albignasego (girone C) si stanno distinguendo per la continuità di risultati. Le due padovane si possono infatti fregiare del titolo d’inverno. Due realtà molto diverse fra di loro, ma ugualmente vincenti. Il Castelbaldo Masi era considerato da tutti gli addetti ai lavori come la grande favorita per la vittoria finale. Gli uomini di Mister Albieri stanno rispettando i pronostici, occupando infatti la prima posizione in classifica con 35 punti, con cinque lunghezze di vantaggio sull’Albaronco, considerato dal presidente Michele Ottoboni come una delle più accreditate antagoniste: «Sono forti e si sono pure rinforzati a dicembre. Io considero un’ottima squadra anche la Seraticense, terza a otto punti da noi. Un undici quadrato».

Il numero uno del Castelbaldo non vuole sentir parlare del titolo di “campioni d’inverno”: «Siamo molto contenti per come sta andando, ma l’essere campioni d’inverno non cambia nulla. Dobbiamo guardare avanti per essere campioni quando più conta. La squadra è forte e grazie all’impegno di tutti stiamo lavorando bene; ma dobbiamo rimanere concentrati».

Se il Castelbaldo era una delle favorite ai nastri di partenza, l’Albignasego si presentava invece come autentica outsider. Dopo un precampionato poco brillante, con l’inizio del campionato i granata di Mister Alberto Boscaro hanno preso il volo e non hanno nessuna intenzione di fermarsi; a patto di restare con i piedi per terra, come ricorda il direttore sportivo Alessandro Parnigotto: «Il nostro obiettivo resta la salvezza. Non possiamo però ignorare il fatto che essere campioni d’inverno ci dia delle consapevolezze importanti. Chiaro che ci crediamo. Come ripetiamo sempre “non succede, ma se succede”».

Nessuno ad Albignasego pensava di trovarsi al comando in classifica al giro di boa, anche per il gran numero di giovani presenti in rosa: «Ad aprile – maggio avevamo stilato un programma di 2-3 anni con un gruppo con molti giovani e giocatori d’esperienza. Nessuno pensava di trovarsi in alto così presto, e questo è merito del lavoro di tutti e in particolare di mister Boscaro che è capace di toccare le corde giuste con i ragazzi. Il vero segreto è però lo spogliatoio: nella mia esperienza nel mondo del calcio non ne ho mai visto uno tanto unito».

Anche nel girone C (che i granata guidano con 5 punti di vantaggio su Spinea e Miranese) non mancano avversarie di livello: «Quelle che stanno subito dietro. Poi c’è il Porto Viro che sta risalendo e la Vigolimenese, che è sempre quadrata. Noi siamo la sorpresa e non ci dispiace affatto». E chissà che in primavera inoltrata la situazione da raccontare non sia bella come quella di adesso. —

Alberto Locatelli

I commenti dei lettori