Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Padova rischia la figuraccia: lo salva una perla di Sarno al 94’

Il Sandonà (squadra di Serie D) segna in apertura e tiene il vantaggio quasi fino all’ultimo Molto turnover e qualche assenza Bisoli: «Atteggiamento sbagliato»

abano terme

Il Padova evita la figuraccia all’ultimo respiro, pareggiando 1-1 contro il Sandonà (Serie D) nell’amichevole disputata ieri ad Abano. Ma se è vero che il destino ogni tanto si diverte a mandare qualche segnale, non può che far sorridere il mondo in cui è arrivato questo pareggio, grazie al gol di Vincenzo Sarno, che proprio la prossima giornata tornerà a disposizione dopo la lunga squalifica, e autore di una splendida punizione insaccatasi all’incrocio.

Ma al di là di qualche guiz ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

abano terme

Il Padova evita la figuraccia all’ultimo respiro, pareggiando 1-1 contro il Sandonà (Serie D) nell’amichevole disputata ieri ad Abano. Ma se è vero che il destino ogni tanto si diverte a mandare qualche segnale, non può che far sorridere il mondo in cui è arrivato questo pareggio, grazie al gol di Vincenzo Sarno, che proprio la prossima giornata tornerà a disposizione dopo la lunga squalifica, e autore di una splendida punizione insaccatasi all’incrocio.

Ma al di là di qualche guizzo del trequartista napoletano e del rientro di Mandorlini e Chinellato, sono poche le indicazioni positive arrivate dal test contro i dilettanti veneziani. Certo, gli alibi non mancano: da una squadra reduce da una settimana di carichi pesanti, alle assenze di 5 titolarissimi come Capelli, Trevisan, Pulzetti, Capelletti e Capello (che Bisoli ha preferito far rifiatare), oltre a Madonna e l’azzurro Bonazzoli. Ma di sicuro i 600 spettatori arrivati allo Stadio delle Terme si aspettavano di divertirsi un po’ di più. E invece il pomeriggio si è messo male fin da subito, con il Sandonà passato in vantaggio al 4’ grazie a una sventola di Longato dai 20 metri. I biancoscudati faticano a velocizzare la manovra e per la prima mezz’ora non riescono mai ad andare al tiro. Bisoli ha provato Clemenza da mezzala destra, prima di riportarlo dietro le punte sul finire del primo tempo, con il fantasista di scuola Juve che è andato vicino al gol colpendo un palo su punizione.

Nella ripresa girandola di cambi e tanti esperimenti, ma ancora pochi spunti degni di nota, se si eccettua un gran tiro di Mazzocco che il portiere del Sandonà ha tolto dall’incrocio. Quindi, al quarto minuto di recupero, la gemma di Sarno che ha strappato gli applausi dei tifosi, tra i quali un entusiasta sindaco di Abano Federico Barbierato, storico tifoso biancoscudato.

Molto meno entusiasta, nel post partita, mister Bisoli: «Ho dovuto stravolgere la squadra e arrivavamo da una settimana faticosa», le sue parole. «Infatti non mi interessava il risultato ma l’atteggiamento. Sapevo che non saremmo stati brillanti, però i giocatori mi hanno fatto arrabbiare perché sono stati un po’ leziosi e qualcuno ha giocato più per la prestazione individuale che per il gruppo. Tuttavia voglio spendere due parole per Mandorlini, che ha dimostrato voglia e attaccamento. È un giocatore ritrovato che ci potrà dare una mano».

Ultima battuta sull’ulteriore rinvio della decisione in merito agli organici del campionato: «Secondo me si torna a 22 squadre, ma ancora una volta il calcio italiano mostra davvero poca professionalità». —

Stefano Volpe

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI