Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Marchetti iscrive il suo nome nell’albo d’oro della Pistoia-Fiorano

PADOVA. Come una Ferrari. È fin troppo facile il paragone con la Rossa per Moreno Marchetti, trionfatore della 21esima Pistoia-Fiorano. Il 20enne padovano di Fontaniva (nato a Cittadella), che...

PADOVA. Come una Ferrari. È fin troppo facile il paragone con la Rossa per Moreno Marchetti, trionfatore della 21esima Pistoia-Fiorano. Il 20enne padovano di Fontaniva (nato a Cittadella), che difende i colori della Petroli Firenze-Hopplà-Maserati, ha colto la quinta affermazione stagionale, confermandosi signore delle volate a livello Under 23-Elite. Dopo 152 km di corsa, da Bottegone di Pistoia a Fiorano Modenese, ha messo la propria ruota davanti a tutti, precedendo allo sprint Alessio B ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Come una Ferrari. È fin troppo facile il paragone con la Rossa per Moreno Marchetti, trionfatore della 21esima Pistoia-Fiorano. Il 20enne padovano di Fontaniva (nato a Cittadella), che difende i colori della Petroli Firenze-Hopplà-Maserati, ha colto la quinta affermazione stagionale, confermandosi signore delle volate a livello Under 23-Elite. Dopo 152 km di corsa, da Bottegone di Pistoia a Fiorano Modenese, ha messo la propria ruota davanti a tutti, precedendo allo sprint Alessio Brugna (Namedsport Rocket) e il concittadino Nicolas Dalla Valle (Team Colpack). La classica toscano-emiliano-romagnola si è decisa con un finale thrilling, dopo che il duo Andrea Caciotti (Petroli)-Stefano Oldani (Colpack) si è reso artefice di una fuga orchestrata da altri cinque corridori dopo appena 30 km, salvo poi essere risucchiati dal gruppo sul circuito finale È qui che Marchetti ha innestato il turbo.

In Polonia, ha messo la quarta - intesa nel senso di vittoria - Pippo Fortin: il prof di Pernumia, in forza al team austriaco Continental Felbermayr, si è imposto nell’ultima frazione dello Szlakiem Walk Majora Hubala. Netto il suo successo nella tappa da 176,2 chilometri.(m. ros.)