Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Marchetti zittisce tutti e fa il poker a Castelfidardo

PADOVA. Qualcuno giura che neanche sparandogli riusciresti a fermarlo. Quel che è certo, è che Moreno Marchetti procede appunto... sparato come un proiettile. Domenica, il ciclista di Fontaniva,...

PADOVA. Qualcuno giura che neanche sparandogli riusciresti a fermarlo. Quel che è certo, è che Moreno Marchetti procede appunto... sparato come un proiettile. Domenica, il ciclista di Fontaniva, originario di Cittadella, che indossa i colori delle Petroli Firenze-Hopplà-Maserati, ha inanellato la quarta vittoria stagionale conquistando il Trofeo Città di Castelfidardo, in provincia di Ancona. Lo ha fatto a suo modo, zittendo letteralmente tutti al momento della volata finale. Ha dominato la ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Qualcuno giura che neanche sparandogli riusciresti a fermarlo. Quel che è certo, è che Moreno Marchetti procede appunto... sparato come un proiettile. Domenica, il ciclista di Fontaniva, originario di Cittadella, che indossa i colori delle Petroli Firenze-Hopplà-Maserati, ha inanellato la quarta vittoria stagionale conquistando il Trofeo Città di Castelfidardo, in provincia di Ancona. Lo ha fatto a suo modo, zittendo letteralmente tutti al momento della volata finale. Ha dominato la corsa riservata agli Under 23-Elite negli ultimi 150 metri. Sul traguardo ha esploso la propria rabbia in un urlo e poi si è portato il dito tra naso e bocca: «Zitti tutti, ho vinto io». È questo il messaggio chiaro e forte, che ha voluto lanciare Marchetti a coronamento della “Due giorni” marchigiana.

Ha messo in riga, all’arrivo del Cerretano, Giovanni Lonardi della Zalf, Gianmarco Begnoni della Viris e pure il suo compaesano: il cittadellese Nicholas Della Valle, in forza alla Colpack, quinto classificato. Marchetti che vince così è sempre tanta roba. Anche perché l’andamento di gara non lasciava inizialmente presupporre un epilogo del genere con tutti quegli attacchi e contrattacchi. A rompere gli equilibri è stato Jalel Duranti, uomo della Petroli Firenze, risucchiato però dal gruppo a 3 km dalla fine. Poco male, c’è Marchetti ad accendere i fuochi d’artificio. Ma la “Due giorni” marchigiana se la aggiudica Samuele Battistella, vicentino di Rossano Veneto, punta acuminata della Zalf capace di prevalere allo sprint nella prima prova del Gp Santa Rita.

A livello Juniores, la Work Service Romagnano (ex squadra di Marchetti) del patron Massimo Levorato, dopo il secondo posto di Marco Viero al Gp Villafontana (Verona) e il terzo di Gabriele Benedetti alla Coppa Montemarciano (Arezzo), deve fare i conti con l’incidente occorso al suo campioncino Samuele Manfredi. Investito da una moto, il talento ligure ha riportato la frattura di un dito, ma sono in corso altri accertamenti.

Mattia Rossetto