Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Questo nuovo caso-Bari non deve falsare i playoff»

Rabbia a Cittadella. Marchetti: «Assurdo decidere il 1° giugno. Ci faremo sentire» Scaglia, operazione okay, in campo per la fine del 2018. Iori e Vido ancora out

CITTADELLA. E se alla fine slittassero i playoff? L’ipotesi resta remota, perché il calendario è fissato e sicuramente Sky avrebbe di che storcere il naso. Ma il rinvio al 1° giugno della discussione davanti alla sezione disciplinare del Tribunale sportivo sul deferimento del Bari calcio, accusato di aver ritardato i pagamenti di Irpef e contributi Inps relativi al bimestre gennaio-febbraio di quest’anno, scuote il mondo del calcio. «Quando ho saputo del rinvio di questa decisione sono rimas ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CITTADELLA. E se alla fine slittassero i playoff? L’ipotesi resta remota, perché il calendario è fissato e sicuramente Sky avrebbe di che storcere il naso. Ma il rinvio al 1° giugno della discussione davanti alla sezione disciplinare del Tribunale sportivo sul deferimento del Bari calcio, accusato di aver ritardato i pagamenti di Irpef e contributi Inps relativi al bimestre gennaio-febbraio di quest’anno, scuote il mondo del calcio. «Quando ho saputo del rinvio di questa decisione sono rimasto stupito», sbotta il direttore generale del Cittadella Stefano Marchetti. «Credevo che fosse scontato che la sentenza sarebbe arrivata, in un senso o nell’altro, prima dei playoff, proprio per salvaguardare la loro regolarità. Perché mai una eventuale penalizzazione dovrebbe essere scontata l’anno prossimo?».

Il Tribunale federale ha ordinato “di acquisire agli atti del procedimento il saldo contabile del conto corrente bancario dedicato della Società FC Bari 1908, alla data del 16 marzo 2018, facendone richiesta alla Procura della Repubblica di Bari”. «Ma io penso che, se mancava un documento, in un paio di giorni si potesse presentare, senza attendere il primo giugno, quando già saranno stati disputati sia il primo turno sia la semifinale d’andata dei playoff», aggiunge il direttore generale granata. Senza dimenticare il secondo deferimento dei biancorossi, strettamente legato al primo: l’accusa è di non aver consentito lo svolgimento dell’attività di verifica ispettiva e di non aver prodotto alla Covisoc (la Commissione di Vigilanza sulle Società) copia di estratti conto relativi a diversi conti correnti intestati al club. Di certo il prossimo lunedì 21 maggio ci sarà un’importante assemblea in Lega in cui si discuterà della questione. «Sicuramente sì, ma non è quella la sede che dovrà prendere provvedimenti. Per quanto ci riguarda, non appena avremo chiaro il quadro, faremo tutti i passi necessari per manifestare il nostro scontento».

Più “limpida” la situazione in campo. Le ecografie effettuate ieri all’ospedale di Cittadella da Iori e Vido, fermi per una contrattura al polpaccio - quello destro per il capitano, il sinistro per l’attaccante - hanno dato esito negativo. I due continueranno per un paio di giorni con il lavoro differenziato, per cui chiaramente non saranno convocati per la sfida con la Pro Vercelli che chiuderà la stagione regolare domani sera, ma dovrebbero essere a disposizione per il primo turno dei playoff, in programma sabato 26 o domenica 27 maggio - sempre che siano queste le date. Buone notizie anche da Torino, per quanto riguarda l’intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore destro di Filippo Scaglia, eseguito alla Clinica Fornaca dal professor Quaglia: l’operazione è perfettamente riuscita. Andato sotto ai ferri di buon mattino, attorno alle 7 e mezza, Pippo Scaglia è uscito dalla sala operatoria due ore dopo e alle 10 era già in camera. Sereno, impegnato a rispondere ai messaggi, contento dell’esito dell’operazione il difensore, che, comunque, prima di rivedere il campo dovrà attendere fra i quattro e i sei mesi.