Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Capello & C. il nuovo tesoro del Padova

Con Bisoli il minutaggio dei giovani in questa stagione si è triplicato. Bene anche per il mercato...

PADOVA. Il vero tesoro del Padova? Non arriva dal budget dei soci, ma è frutto di un lavoro quotidiano che è lievitato in questa stagione. Ed è un tesoro, sia tecnico che economico, da non disperdere in nessun modo. La più grande e vincente differenza tra i biancoscudati di questa stagione e quelli dello scorso anno risiede nell’utilizzo dei giovani. Un vero e proprio cambio di marcia impostato dalla società, ma voluto fortemente da mister Bisoli, che è riuscito a valorizzare praticamente tu ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Il vero tesoro del Padova? Non arriva dal budget dei soci, ma è frutto di un lavoro quotidiano che è lievitato in questa stagione. Ed è un tesoro, sia tecnico che economico, da non disperdere in nessun modo. La più grande e vincente differenza tra i biancoscudati di questa stagione e quelli dello scorso anno risiede nell’utilizzo dei giovani. Un vero e proprio cambio di marcia impostato dalla società, ma voluto fortemente da mister Bisoli, che è riuscito a valorizzare praticamente tutti i baby che gli sono stati messi a disposizione, contribuendo a far maturare un patrimonio di tutto rispetto per il club.

I DATI. Potrà sembrare paradossale, visto che la rosa del Padova ha avuto l’età media più alta del proprio girone (27,4 anni), ma i biancoscudati sono stati una delle squadre che ha messo in mostra il maggior numero di “under” di tutta la categoria. Riuscendo, dato non certo da sottovalutare, a vincere il campionato. Il confronto con lo scorso anno è impressionante e spiega bene una delle ragioni che hanno contribuito al successo. La squadra di Brevi che chiuse la stagione al quarto posto, salvo essere eliminata al primo turno dei playoff, non riuscì a valorizzare nessun giovane. Gli “under 23” impiegati nel 2016/17 furono otto, ma quasi tutti per pochi spezzoni di gara, per un totale complessivo di 2.683’ in campo in campionato. Un dato che con Bisoli si è quasi triplicato. In questa stagione il tecnico di Porretta Terme ha fatto giocare gli “under” per 6.687’, dando una chance in campionato a ben 12 giovani. E i risultati si sono visti, in tutti i campi. Di sicuro ha aiutato il nuovo regolamento della Lega che ha abbassato il tetto di “over” da 16 a 14, ma anche il club ha cambiato politica, affiancando ad elementi esperti qualche giovane di primo piano, su tutti Capello, che ha chiuso l’annata con il secondo minutaggio complessivo, dietro Cappelletti, tra i giocatori di movimento.

I GOL. Ed è soprattutto merito suo se, rispetto allo scorso anno quando ci fu un solo gol “under” con Mazzocco, la differenza si veda anche a livello realizzativo. Dei 44 gol segnati in questo campionato, 18 portano la firma dei giovani, e oltre allo “Squalo”, sono andati a segno Gliozzi, Mazzocco, Ravanelli e Cisco. E se alcuni di questi sono giocatori già avevano un po’ di esperienza in categoria, Bisoli è riuscito a far debuttare tra i professionisti ben 5 ragazzi: Ravanelli, Serena, Zambataro, Marcandella e Piovanello. Un risultato che si sta riflettendo anche nelle strategie di mercato: la dirigenza intende confermare quasi tutti questi giovani anche in Serie B. E il club, intanto, si frega le mani. Il valore sul mercato di alcuni giocatori di proprietà (vedi Serena o Marcandella) si è triplicato, per non parlare di Cisco, venduto a gennaio al Sassuolo per una cifra che, bonus compresi, sfiora gli 800mila euro. E a fine stagione, visto l’ampio minutaggio offerto agli “under”, i contribuiti della Lega saranno più che raddoppiati rispetto allo scorso anno.

LA RIPRESA. Ieri la squadra è tornata a sudare alla Guizza, dove si allenerà fino a fino a domani sempre alle 16. Venerdì amichevole allo stadio “Zanutto” contro i padroni di casa del Sandonà (neopromossi in D) alle 18.