Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Gran colpo dell’Este A Legnago decide la rete dell’ex, Fioretti

LEGNAGO. Vittoria importante quanto sofferta, quella conquistata dall’Este sul campo del Legnago Salus, finora inviolato in questa stagione. A dare la vittoria alla squadra giallorossa è stato un...

LEGNAGO. Vittoria importante quanto sofferta, quella conquistata dall’Este sul campo del Legnago Salus, finora inviolato in questa stagione. A dare la vittoria alla squadra giallorossa è stato un classico del calcio: il gol dell’ex. Anzi, del doppio ex. A trafiggere la retroguardia dei padroni di casa, infatti, è stato Daniele Fioretti, in biancazzurro nell’annata 2014-15, su assist di un altro ex legnaghese, Damien Florian. Quest’ultimo al 9’ della ripresa è bravo a districarsi tra i difens ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

LEGNAGO. Vittoria importante quanto sofferta, quella conquistata dall’Este sul campo del Legnago Salus, finora inviolato in questa stagione. A dare la vittoria alla squadra giallorossa è stato un classico del calcio: il gol dell’ex. Anzi, del doppio ex. A trafiggere la retroguardia dei padroni di casa, infatti, è stato Daniele Fioretti, in biancazzurro nell’annata 2014-15, su assist di un altro ex legnaghese, Damien Florian. Quest’ultimo al 9’ della ripresa è bravo a districarsi tra i difensori avversari, servendo poi il compagno, che un destro preciso e angolato beffa il portiere Cairola, subentrato nel primo tempo all’infortunato Colella.

Un vantaggio, quello dell’Este, meritato, dato che nella prima frazione di gioco erano stati i ragazzi di mister Florindo a fare la partita, con un Legnago attendista e dedito al gioco di rimessa anche se, paradossalmente, protagonista delle azioni più pericolose. Ma l’Este non si fa sorprendere, né tanto meno assalire dall’ansia, gestendo il pallone in maniera intelligente. Unico neo, il giallo a Pozza; sanzione che poi nel secondo tempo peserà.

Al rientro in campo dopo l’intervallo il tema della gara è il medesimo dei primi 45 minuti, e l’Este alla prima vera occasione della ripresa si porta in vantaggio. A quel punto i padroni di casa escono giocoforza dal guscio e iniziano ad attaccare con veemenza, ma con poca lucidità. Il tecnico Spinale, ex bandiera del Mantova, quest’anno al debutto assoluto in panchina, tenta il tutto per tutto a metà ripresa, quando toglie il centrocampista di fatica Torri per inserire il centravanti uruguaiano Peinado. Una mossa che pare avere la fortuna dalla sua, dato che un paio di minuti dopo per Pozza arriva il secondo giallo e, quindi, l’espulsione. A trazione anteriore e con un uomo in più, i legnaghesi si fanno arrembanti, mentre Florindo giustamente sceglie di proteggersi un po’ togliendo proprio Fioretti, al cui posto entra un altro ex del match, Luca Viviani. Il Legnago continua a spingere, anche grazie all’ingresso di forze fresche, ma la difesa estense è insuperabile, incoraggiata anche dalla truppa di tifosi che ha raggiunto lo stadio “Sandrini”, e che fa sentire la propria voce, a volte sovrastando anche i supporters di casa. Nel frattempo Magrini para tutto il possibile e, quando anche lui nulla può, ecco che ci pensa Niero a spazzare sulla linea un velenoso colpo di testa di Peinado, al 39’.

Federico Zuliani