Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Anche il Venezia ha i suoi Daspo

Dodici ultras colpiti dal provvedimento dopo gli incidenti con il Parma

VENEZIA. Verrebbe da dire che tutto il mondo è paese. Dopo i diciassette Daspo notificati ad altrettanti tifosi biancoscudati nelle ultime settimane, a seguito degli incidenti risalenti al match con il Parma del 19 novembre scorso, nelle ultime ore sono arrivati altri dodici provvedimenti all'indirizzo di altgrettanti tifosi del Venezia, per i fatti risalenti al match casalingo, sempre contro il Parma, del 29 gennaio scorso.

In quell'occasione, tra le calli veneziane si era scatenata una vera ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VENEZIA. Verrebbe da dire che tutto il mondo è paese. Dopo i diciassette Daspo notificati ad altrettanti tifosi biancoscudati nelle ultime settimane, a seguito degli incidenti risalenti al match con il Parma del 19 novembre scorso, nelle ultime ore sono arrivati altri dodici provvedimenti all'indirizzo di altgrettanti tifosi del Venezia, per i fatti risalenti al match casalingo, sempre contro il Parma, del 29 gennaio scorso.

In quell'occasione, tra le calli veneziane si era scatenata una vera e propria "caccia" ai tifosi emiliani, anche anziani e bambini colpevoli solamente di portare al collo sciarpe dai colori gialloblù, raggiunti e aggrediti in due occasioni (prima in Strada Nuova, poi ai Santi Apostoli) da alcuni “supporter” arancioneroverdi prima del match allo stadio di Sant'Elena. La magistratura ha presentato un conto salato ai dodici ultras veneziani: è scattata infatti la denuncia per rapina aggravata e lesioni aggravate in concorso, e contestualmente il divieto di assistere alle manifestazioni sportive, il cosiddetto Daspo. Per quello che è ritenuto il maggiore responsabile di quanto avvenuto il Daspo è di 5 anni, a seguire ci sono due tifosi con Daspo da 4 anni, tre invece hanno un provvedimento che durerà 3 anni e un altro di 2 anni, tutti con obbligo di firma.

Infine, agli ultimi cinque identificati, è stato comminato un Daspo di 2 anni ma senza l'obbligo della firma. Si tratta di uomini dai 35 ai 49 anni, tra i quali diversi padri di famiglia. (fra. co.)