Pierobon: «Insegnerò ai giovani come parare tutto»

Il "portierone" Andrea Pierobon, 46 anni, ha iniziato e finito con il calcio a Cittadella

CITTADELLA. Le bandiere non si ammainano. Al massimo si cambiano di posto, in modo che continuino a sventolare indicando la direzione da seguire. Certo, sarà strano arrivare al Tombolato, guardare fra i pali e non trovarselo che si tuffa a bloccare il pallone, prolungando il suo record di longevità. Ma basterà spostare appena lo sguardo e lo si vedrà comunque lì, perché il campo è il suo mondo, il Cittadella la sua casa.

Andrea Pierobon, è proprio vero che smette?

«Sì. È stata una decisione sofferta, ma credo che fosse il momento di prenderla. Fisicamente sono ancora integro e ho pensato anche di continuare a giocare, ma a quasi 46 anni è ora di appendere i guantoni al chiodo e pensare al futuro».

Da preparatore dei portieri?
«Credo di sì. È un’idea che mi è sempre piaciuta e anche la dirigenza sapeva da tempo che ho questa aspirazione. Ne ho parlato l’altro ieri con Marchetti, che è d’accordo. Nei prossimi giorni ci ritroveremo per discutere i dettagli. Voglio rimanere nel mondo del calcio e spero di poter insegnare qualcosa ai più giovani».

Quanto ha pesato la retrocessione su questa decisione?
«La retrocessione è stata qualcosa di devastante, non lo nego, ma probabilmente avrei fatto lo stesso questo passo. È brutto che la mia esperienza da giocatore sia finita così, ma anche se avessi continuato per un altro anno sono sicuro che arrivato a giugno mi sarei ritrovato nella stessa situazione».

Sarà strano anche per la sua famiglia non vederla più in campo. Cosa le hanno consigliato la moglie Eleonora e i figli Lucrezia e Filippo?
«Ne ho parlato anche con loro, ovviamente: mi hanno detto di fare quello che mi sentivo, alla fine la decisione è stata solo mia».

Ha debuttato in prima squadra nel Citta nell’87, l’anno in cui si ritirava Platini e il portiere poteva ancora prendere i retropassaggi con le mani...
«Sono tornato al Cittadella dieci anni fa e ho vissuto da protagonista tutta l’avventura della serie B: è difficile per me indicare un solo momento. Forse la gioia più grande c’è stata con la promozione dalla serie C, quando andammo a vincere per 3-1 a Cremona la finale playoff. Ma devo ricordare anche le salvezze sofferte, a partire da quella conquistata l’anno successivo a Rimini».

Lascia il calcio in un momento terribile, fra le inchieste di Catania e Catanzaro, e un’estate che si preannuncia lunghissima…
«Credo che il Cittadella meritasse la salvezza sul campo, perché se andiamo a ripercorrere tutti gli episodi sfavorevoli che hanno condizionato l’ultima stagione e i tanti punti persi per un niente, saremmo potuti essere ben più su. Oggi, dico che il Citta merita il ripescaggio per la professionalità e per la correttezza che ha sempre animato il suo ambiente. E poi perché i bilanci qui sono sempre stati in regola e non sono in tanti a poterlo dire».

È rimasta famosa la frase che le disse Samir Handanovic, portiere dell’Inter, quando vi affrontò in Coppa Italia nel 2013: «Magari potessi arrivare io a giocare alla tua età».Da allora ha portato avanti il suo record, giocando l’ultima partita a 45 anni, 10 mesi e 3 giorni, come nessun altro ha fatto in Italia in un torneo professionistico. Teme possano soffiarle il primato?
«Qualcuno magari lo supererà, chi può dirlo. Ma adesso non ci penso».

Video del giorno

Operazione antidroga e 21 arresti a Padova, il video della polizia sui blitz

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi