Chesani, oro e pass per le Olimpiadi

Atletica, ai campionati italiani indoor di Ancona titolo anche ad Anna Giordano Bruno, strepitosa Silvia Zuin della Vis Abano

PADOVA

Prodigiosa! Non ci sono altri aggettivi per definire l’incredibile prestazione che ha visto Silvano Chesani superare l’asticella del salto in alto posta alla distanza siderale di 2.31 metri. In un solo colpo il saltatore delle Fiamme Oro ha ottenuto il primato personale di 3 cm, bagnando la sua prestazione con il raggiungimento del minimo A per le Olimpiadi e quello per i Mondiali indoor di Istanbul. Con questa misura Chesani diventa il secondo d’Italia di tutti i tempi a livello indoor al pari dei fratelli Nicola e Giulio Ciotti e dietro al solo Talotti (2.32).

«Nel 2012 ho ottenuto subito un buon 2.25 metri. Poi a Praga due settimane fa non sono andato oltre i 2.24 metri ma gareggiando su una pedana inventata all’interno di un centro commerciale. Questo risultato è il frutto del duro lavoro effettuato con il mio tecnico Giuliano Corradi verso cui mi hanno indirizzato le Fiamme Oro e la federazione. Il mio grazie va anche a loro».

Se il grande protagonista dei campionati italiani indoor è stato senza dubbio Chesani, è stata brava anche Anna Giordano Bruno (Assindustria) che ha vinto senza rivali nel salto con l’asta con la misura di 4.30 m, provando poi quei 4.52 metri che l’avrebbero catapultata ai Mondiali indoor di Istanbul. Nella stessa gara è sesta la compagna di squadra Elisa Molinaro (3.85 metri) che arriva dalla ginnastica ed è ancora della categoria juniores. Un bravo anche all’atleta delle Fiamme Oro Isalbet Juarez che sui 400 metri ha ottenuto l’argento assoluto con il primato personale di 47”17, molto vicino alla barriera al minimo di partecipazione per i Mondiali indoor di Istanbul.

I campionati italiani indoor assoluti e promesse di Ancona erano iniziati bene già nella prima giornata di gare quando Enrica Cipolloni si era piazzata al terzo posto assoluto nel salto in alto (seconda tra le promesse a pari misura della prima, Chiara Vitobello) e quel che più conta aggiornando il suo primato personale portato ad 1.85 metri.

Nei 5000 metri di marcia non era riuscito a contenere lo strapotere di Giorgio Rubino, invece, il campione italiano indoor 2011 Riccardo Macchia, che aveva colto comunque il primo posto tra le promesse ed il terzo posto assoluto con 20’30”61. E’ stato autore di una gara coraggiosa il padovano Marco Boni, terzo nel salto con l’asta con 5.50 metri davanti all’altro padovano Giorgio Piantella, fermatosi a 5.30 metri. E’ prima tra le promesse e quarta assoluta assoluta Francesca Stevanato nel peso femminile con la misura di 14.34 m mentre si piazza terza sui 1500 la moglianese Viola Alessandra Giulia con il tempo di 4’20”75, con quinta la Berlanda (Fiamme Oro). Una citazioni particolare va poi al poliziotto Agresti che, nel salto in lungo, salta 7.58 metri, restando in gara fino all’ultimo prova per una medaglia. Ottima anche la giovane promessa della Vis Abano Silvia Zuin che, sui 60 hs, in finale è seconda tra le promesse e quinta assoluta. Per lei c’è la soddisfazione anche del nuovo primato personale di 8”52, ottenuto nelle batterie.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Checco Zalone in festa sulla barca dell’oligarca

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi