Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Abbiamo vissuto un grande sogno»

Grande festa questa sera nelle piscine della Padovanuoto alla Paltana

PADOVA. Sono tornate da Pechino lunedì sera e ad attenderle all’aeroporto di Tessera c’era un vero e proprio comitato di festeggiamenti.

Alice Carpanese, Renata Spagnolo e Marialaura Simonetto, le nostre tre nuotatrici che così bene si sono comportate alle Olimpiadi, hanno trascorso la loro prima giornata padovana circondata dall’affetto dei familiari. Stasera Alice Carpanese e Renata Spagnolo saranno festeggiate alla Padovanuoto, società per la quale le due ragazze abitualmente gareggiano. ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Sono tornate da Pechino lunedì sera e ad attenderle all’aeroporto di Tessera c’era un vero e proprio comitato di festeggiamenti.

Alice Carpanese, Renata Spagnolo e Marialaura Simonetto, le nostre tre nuotatrici che così bene si sono comportate alle Olimpiadi, hanno trascorso la loro prima giornata padovana circondata dall’affetto dei familiari. Stasera Alice Carpanese e Renata Spagnolo saranno festeggiate alla Padovanuoto, società per la quale le due ragazze abitualmente gareggiano. Prevista la partecipazione anche degli atleti delle formazioni giovanili della Padovanuoto.

Ieri, intanto, Alice nella sua casa di via Pio X a Veggiano ha ricevuto la visita del sindaco Anna Lazzarin che, accompagnata dal vice Francesco Minchio e dall’assessore Simone Marzari, ha voluto congratularsi personalmente con la giovane nuotatrice. «E’ stata un’esperienza indimenticabile - ricorda. - Il giorno della gara ero ansiosa ma tutti i giorni è stata un’emozione continua, anche solo vedere dalla tribuna le gare degli altri atleti».

Alice racconta del tempo di Pechino dove il sole è spuntato solo per pochi giorni, della maestosità del centro acquatico e del vicino stadio di come abbia trovato un’ottima cucina italiana. Pochi i contatti con gli atleti di altre nazioni, ogni rappresentativa restava nella propria sede.