Se mangiare è un atto politico

La sfida de ilgusto.it, il content hub del gruppo Gedi

La rivoluzione sostenibile avrà un impatto sulle nostre vite potente quanto quello della rivoluzione industriale. Un’onda in grado di modificare strategie aziendali, abitudini e visioni del mondo, di cambiare i paradigmi plasmando la vita di tutto il pianeta. Il cibo ne uscirà trasformato sia nella produzione che nella degustazione.

Ilgusto.it, il content hub dedicato al cibo, al vino e al turismo engastronomico del gruppo Gedi, lo racconta attraverso le persone che vivono questo cambiamento nelle cucine, nei campi, nelle cantine, nelle vigne, nei forni o negli orti. Massimo Bottura, ambasciatore Onu contro lo spreco alimentare e la perdita di cibo dice chiaramente che «mangiare è un atto politico». Un’azione che determina da che parte si sta. Nella scelta degli ingredienti, dei fornitori, delle materie prime. Ogni atto ha delle conseguenze. In teoria il cambiamento sembra destinato a passare prima dalle grandi aziende, da chi ha le risorse per queste trasformazioni radicali, ma ci sono realtà che non hanno bisogno di stravolgimenti e in compagnia di Massimo Bottura «ilgusto.it» farà un viaggio tra questi artigiani «resistenti» che non hanno bisogno di cambiare pelle perché sono sostenibili per tradizione, perché la sostenibilità, se vissuta come un valore e non come una moda, è sempre associata alla qualità.

La sostenibilità diventa un valore, per questo saranno necessari parametri e strumenti di valutazione. In un futuro prossimo, il vero green (certificato) sarà un elemento decisivo nella scelta del cibo, del vino, del ristorante o della destinazione per le vacanze. Ilgusto.it sarà al fianco dei lettori in queste scelte.

Video del giorno

Tra i fiumi e le Gole dell'Alcantara, il canyon siciliano che rischia di scomparire

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi