Bambini, quanto fa bene il nuoto in estate

Muscoli, respiro, armonia del corpo. Benefici per cuore e articolazioni. Finalmente si può praticare all’aria aperta: è ideale per tutti, per chi ama andare in velocità e per chi lo preferisce slow
2 minuti di lettura

Si pratica tutto l'anno in piscina, ma è l'estate la stagione in cui il nuoto libera il suo potenziale: finalmente ci si può tuffare all'aperto. Che sia un ottimo sport per bambini e ragazzi è noto, ed è tra le attività più gettonate dai genitori all'inizio dell'anno scolastico. Finiti i corsi con l'istruttore è il momento di testare le proprie abilità. "Imparare a nuotare, oltre ad avere effetti benefici sulla salute, è importante per la propria sicurezza in mare e in piscina", premette Marco Bonifazi, presidente della Commissione medica Federnuoto e professore di Fisiologia all'Università di Siena. E "appassionarsi a un'attività sportiva da piccoli serve ad accumulare un patrimonio di "riserva motoria" che non si perde da adulti. Se si è praticato uno sport da ragazzi in maniera continuativa, anche se le abitudini cambiano, il fisico ne ha memoria e permetterà di riprendere con più facilità".

Non si cresce in altezza

Nuotare non serve a crescere in altezza, come spesso si sente dire, quello lo decidono i geni, e non è una medicina contro scoliosi o asma. Ma ha tante qualità: "Coinvolge diversi muscoli in modo diffuso e armonico; il respiro prende ritmo, con benefici anche per il cuore e le articolazioni grazie all'acqua sono senza sovraccarico", spiega l'esperto.

I benefici dello slow swimming

Al di là delle prestazioni, i vantaggi respiratori e metabolici rimangono. Anche le attività aerobiche lente usano grassi come carburante, quindi è un movimento ideale se ci sono problemi di sovrappeso. Serve però continuità, almeno un'ora tre volte a settimana. E se le sfide con il cronometro sono divertenti per i ragazzi, il bello del nuoto è anche lo "slow swimming", suggerisce Bonifazi: "Anche galleggiare, muoversi lentamente facendosi trasportare, è un'attività fisica. Sentirsi leggeri in acqua è come volare. Rilassa e garantisce un pieno di sensazioni positive".
 

Quanto tempo aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato? La risposta della pediatra

Quando fare il primo corso di nuoto

Questo sport si può praticare fin dai primi mesi di vita. L’età ottimale per cominciare è intorno ai 3 mesi, dopo le prime vaccinazioni. Iniziare precocemente serve per sviluppare acquaticità, vale a dire la capacità di adattarsi funzionalmente all'ambiente acquatico. Ma per imparare a nuotare ci vogliono almeno 5-6 anni.

Le attività subacquee dipendono dalla FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee). A 8 anni si possono iniziare i corsi per apprendere i primi rudimenti, mentre per le esplorazioni vere e proprie occorre un'esperienza adeguata da raggiungere progressivamente secondo le indicazioni degli istruttori.

Colpo di calore, cos'è e come si previene: i consigli della pediatra

Come superare la paura dell'acqua aperta

La paura dell'acqua aperta può dipendere dalla mancanza di punti di riferimento come la striscia della corsia o il muro di fondo in piscina. Un suggerimento per superarla? Indossare maschera, boccaglio e occhialini e cominciare ad esplorare il mare vicino alla riva. E pian piano spingersi in là trovando confidenza. Meglio muoversi in coppia, comunque non da soli. E andare per gradi, gustandosi le meraviglie dell'ambiente.