Ipertensione, quando mette a rischio il cervello dei giovani

Valori oltre la norma sono frequenti anche sotto i 50 anni. E causano ictus, depressione e declino delle capacità cognitive. Uno studio australiano lancia l'allarme
2 minuti di lettura

La pressione alta è diventata un "disturbo endemico", con le persone che ne soffrono passate da 650 milioni nel 1990, a 1.3 miliardi nel 2019. Arterie, cuore e cervello gli organi più colpiti, e non è un problema concreto per la salute solo oltre una certa età.

Gli studi

Secondo una nuova analisi condotta dalla Australian National University (Anu), a valori elevati di pressione sanguigna in giovane età corrispondono rischi superiori di invecchiamento cerebrale accelerato una volta superati i 50 anni.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori