Alzheimer, lo studio: "Dal Viagra una speranza per la prevenzione"

Secondo uno studio il farmaco abbassa del 69% i rischi. La ricerca su 7mila persone e 1600 farmaci non ha valutato l’efficacia clinica del sildenafil sulla malattia
4 minuti di lettura

La pillola blu, utilizzata per la disfunzione erettile e l'ipertensione polmonare, potrebbe ridurre significativamente il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer e diventare così oggetto di ricerca per lo sviluppo di farmaci in grado di curare la forma più comune di demenza legata all'età. La notizia sulle nuove potenzialità del Viagra arriva da uno studio pubblicato su Nature