Ictus, i segnali anni prima dell'evento, l'importanza di coglierli

I campanelli d'allarme, la prevenzione, le differenze tra uomo e donna, i soggetti più a rischio: 29 ottobre giornata mondiale
7 minuti di lettura

Arrivare presto. Perché "Time is Brain", il tempo è cervello. Riconoscere e trattare precocemente un ictus significa limitare i danni legati alla carenza di sangue e ossigeno ai neuroni. Ma ora c'è di più. Anche in prevenzione, per mettere a punto una protezione mirata e identificare chi può essere più esposto a questo rischio, ci sono segnali d'allarme che possono manifestarsi anche anni prima dell'evento acuto.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori