Disfunzione erettile, la dieta mediterranea per contrastarla e prevenirla

A sostenerlo uno studio oresentato al Congresso ESC 2021 della European Society of Cardiology
1 minuti di lettura

LA DIETA mediterranea è associata a miglioramenti nella cura della disfunzione erettile, secondo una ricerca condotta dall'Università di Atene e presentata al Congresso ESC 2021 della European Society of Cardiology. Gli uomini con ipertensione hanno il doppio delle probabilità di avere una disfunzione erettile rispetto ai loro coetanei con pressione sanguigna normale. La disfunzione erettile è considerata principalmente una malattia delle piccole arterie, che perdono la capacità di dilatarsi e aumentare il flusso. Il calo dei livelli di testosterone nella mezza età contribuisce poi alla sua insorgenza.

Sport e alimentazione

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la forma fisica è collegata a una migliore sopravvivenza negli uomini con ipertensione, mentre la dieta mediterranea abbassa la pressione sanguigna e previene infarti e ictus negli individui ad alto rischio cardiovascolare. Il modello dietetico mediterraneo enfatizza il consumo di frutta, verdura, cereali integrali e olio d'oliva, un consumo modesto di latticini e limitando la carne rossa. I ricercatori hanno quindi esaminato se ci sia un nesso tra le abitudini alimentari e la forma fisica, i livelli di testosterone, il flusso sanguigno, la rigidità arteriosa e le prestazioni erettili.

Lo studio su 50enni

Lo studio ha incluso 250 uomini con ipertensione e disfunzione erettile, con un'età media di 56 anni. La gravità della disfunzione erettile è stata valutata utilizzando il Sexual Health Inventory for Men (SHIM) che utilizza cinque domande sulla capacità erettile per assegnare un punteggio da 0 a 25, con valori più alti correlati a migliori prestazioni erettili. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini con un punteggio più alto della dieta mediterranea avevano anche una riserva di flusso coronarico e testosterone più elevati, migliori prestazioni erettili (punteggio SHIM superiore a 14) e una minore rigidità arteriosa.

Una questione di forma fisica

L'autore dello studio, il dottor Athanasios Angelis dell'Università di Atene, in Grecia, ha dichiarato: "Nel nostro studio, il consumo di una dieta mediterranea era collegato a una migliore capacità di esercizio, arterie e flusso sanguigno più sani, livelli di testosterone più elevati e migliori prestazioni erettili. Sebbene non abbiamo esaminato i meccanismi, sembra plausibile che questo modello dietetico possa migliorare la forma fisica e le prestazioni erettili migliorando la funzione dei vasi sanguigni e limitando la caduta del testosterone che si verifica nella mezza età. I risultati suggeriscono che la dieta mediterranea potrebbe svolgere un ruolo nel mantenimento di diversi parametri di salute vascolare e qualità della vita soprattutto negli uomini di mezza età con ipertensione e disfunzione erettile".