Covid: la terza dose protegge all'86% over 60

(ansa)
A sostenerlo uno studio israeliano. Servono ulteriori dati per avere conferme
1 minuti di lettura

LA TERZA dose del vaccino Pfizer, ad una settimana o oltre dell'inoculazione, mostra una efficacia contro il virus dell'86% tra gli over 60. Lo indicano i primi risultati di uno studio condotto dal Maccabi, la maggior cassa mutua di Israele dove oltre 1 milione di persone ha avuto il booster dopo la doppia immunizzazione. Lo studio ha comparato quasi 150mila persone al settimo giorno dalla terza dose, con oltre 675mila individui -distinti per età, genere, stato sociale e gruppo di popolazione - con solo 2 dosi tra gennaio e febbraio 2021, 5 mesi prima. Nel primo gruppo a diventare positivi sono stati in 37, mentre nel secondo 1.064. Servono ulteriori dati per avere conferme.

In Israele ad oggi oltre un milione di persone - in larga parte over 60, ma da poco anche gli over 50 e il governo domani discuterà di abbassare agli ultra 40 la soglia di età - sono state vaccinate con la terza dose. "L'efficacia di tre dosi di vaccino - ha spiegato la dottoressa Anat Ekka Zohar che ha diretto lo studio - è fortemente protettiva sia contro l'infezione sia contro la malattia grave. Sollecito chiunque abbia 50 anni e oltre a vaccinarsi con la terza dose, sia per la sua autoprotezione sia per le loro famiglie. Il vaccino ha ancora di nuovo provato la sua efficacia ed è effettivo contro la variante Delta. La tripla immunizzazione è la soluzione per piegare l'attuale ondata di infezioni".