In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

“Gli ultimi giorni di Van Gogh. Il diario ritrovato”, ecco le 11 date del tour di Goldin

Data zero a Salsomaggiore e prima nazionale a Trieste per il nuovo spettacolo teatrale del critico trevigiano. Sarà a Padova il 2 dicembre. Rievoca, con musiche di Battiato, gli ultimi giorni di Van Gogh

3 minuti di lettura

Marco Goldin

 

Undici date già in calendario nei mesi di novembre e dicembre. Per una tournée che continuerà per tutto il 2023 su tutto il territorio nazionale. Protagonista Marco Goldin in “Gli ultimi giorni di Van Gogh. Il diario ritrovato” (che trae spunto dall’omonimo romanzo edito da Solferino, già alla sua seconda ristampa a 15 giorni dall’uscita in libreria).

La serata zero della tournée  sarà il 5 novembre, al Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme (Parma), mentre la prima nazionale sarà proposta l’8 novembre, a Trieste dal Politeama Rossetti.

Seguiranno Bologna, Verona, Ancona, Torino, Bergamo, Milano, Udine, Padova, San Donà. Con questo grandioso spettacolo, del quale è protagonista ma anche regista e ideatore, Goldin torna in teatro dopo la fortunata tournée del 2018/2019 con “La grande storia dell’impressionismo”.

“Gli ultimi giorni di Van Gogh” fa parte di un progetto dal medesimo titolo, costituito dal romanzo, dalle cinque puntate che inaugurano il canale podcast dello studioso trevigiano e ovviamente la rappresentazione teatrale con l’eccezionale contributo  determinato dalle musiche di Franco Battiato.

Seguendo il ritmo del suo romanzo uscito da poco, Goldin sale sul palcoscenico per raccontare, con la sua affabulazione appassionata e coinvolgente, le ultime settimane della vita di Vincent van Gogh.

Nel libro alla base dello spettacolo immagina che Van Gogh avrebbe potuto tenere un diario proprio in quelle settimane finali e per questo gli presta la sua voce.

Mai staccandosi dai fatti realmente accaduti eppure dilatando molti vuoti e altrettanti silenzi del pittore. In quelle settimane conclusive l’artista olandese scrive tra l’altro un numero minore di lettere rispetto al solito e parla di meno della metà degli oltre settanta quadri che realizza. Il romanzo e lo spettacolo sono quindi un continuo gioco di specchi e di rimandi, tra i colori, le parole e i silenzi nei quali quasi si adagiano le musiche di Battiato.

Quel diario (“un quaderno un po’ lacero, di pelle verde scura, con dei ricami dorati e il dorso nero”) viene ritrovato casualmente da Arthur Gustave Ravoux, il titolare della locanda nella quale Vincent vive tra la fine di maggio e la fine di luglio del 1890.

Mancano due settimane alla morte del pittore e Ravoux sale nella sua camera di sottotetto per rifargli il letto e trova il cassetto dello scrittoio appena accostato. Lo apre e scopre quel diario di cui nessuno conosceva l’esistenza, ma non lo dice nemmeno a Theo.

Da questo espediente narrativo parte anche l’azione teatrale, nel parlare quasi tra sé e sé che Goldin fa come fosse colui che accompagna Van Gogh, e dunque osservandolo lo racconta. Tutta la scenografia punta moltissimo su un effetto di stupefazione davanti alle immagini dei quadri, i loro particolari e anche fotografie d’epoca.

Oltre a una nutrita e suggestiva parte filmica appositamente girata nei luoghi di Van Gogh in Provenza, tra Arles e la pianura della Crau, le amate Alpilles e l’istituto di cura per le malattie mentali di Saint-Rémy nel quale scelse di stare per un anno, ma anche nel natio Bramante. Si tratta di un vero e proprio spettacolo nello spettacolo.

Da assaporare restando seduti a teatro, “immersi” dalle immagini rilanciate sui tre schermi posizionati sul palcoscenico, con proiezioni laser di altissima definizione. Le riprese dei luoghi sono state realizzate in Olanda, Belgio e Francia da Luca Attilii e Fabio Massimo Iaquone. Il montaggio e le animazioni video sono di Alessandro Trettenero.

A trasmettere l’atmosfera spirituale, eppure densa della carne e dei sogni della vita di Van Gogh, contribuiscono le splendide musiche di Franco Battiato, eccezionalmente concesse per questa occasione. Sono tratte per metà dal suo “Gilgamesh”, uscito giusto trent’anni fa, poi dal “Telesio” e da quell’album così particolare e nuovo che fu il “Joe Patti’s experimental group”.

Battiato amava Van Gogh e davanti alle sue opere si trovava a parlarne proprio con Marco Goldin.

Un continuo di emozione, sino alla scena conclusiva, quando Van Gogh, sul punto di morire, rivede come in parata, accanto a Theo che gli tiene la mano, il suo passato colmo d’incanti.

A quel punto saranno solo i campi di grano e la luce delle stelle che entra dal piccolo lucernario sopra un uomo che sta per andarsene. Prima di tornare ancora.

Lo spettacolo “Gli ultimi giorni di Van Gogh. Il diario ritrovato”, gode del sostegno di Gruppo Euromobil dei fratelli Antonio, Gaspare, Fiorenzo e Giancarlo Lucchetta, che dichiarano: «Siamo veramente felici di tornare ad appoggiare, dopo alcuni anni, un nuovo lavoro di Marco Goldin. Gruppo Euromobil è stato al suo fianco per molto tempo nella lunga stagione delle grandi mostre in varie città italiane, ma non l’aveva mai fatto per un progetto teatrale».

La prima parte del tour teatrale si svolgerà dall’inizio di novembre all’inizio di dicembre 2022, per riprendere poi da marzo 2023.

Per informazioni e biglietti: www.internationalmusic.it

QUESTE LE PRIME UNDICI REPLICHE

  • 5 novembre, Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Nuovo (data zero), ore 21
  • 8 novembre, Trieste, Politeama Rossetti, ore 21
  • 10 novembre, Bologna, Teatro Duse, ore 21
  • 13 novembre, Verona, Teatro Filarmonico, ore 18
  • 15 novembre, Ancona, Teatro delle Muse, ore 21
  • 20 novembre, Torino, Teatro Colosseo, ore 18
  • 23 novembre, Bergamo, Teatro Creberg, ore 21
  • 29 novembre, Milano, Teatro Lirico “Giorgio Gaber”, ore 21
  • 30 novembre, Udine, Teatro Giovanni da Udine, ore 21
  • 2 dicembre, Padova, Gran Teatro Geox, ore 21
  • 7 dicembre, San Donà di Piave (VE), Teatro Astra, ore 21

Qui date e prevendite. 

I commenti dei lettori