In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Alta velocità da Vicenza, ad aprile pronto il progetto dei nuovi binari in stazione a Padova

Briefing a palazzo Moroni. Saranno collocati nella parte nord, per permettere poi un collegamento immediato con la linea AV-AC Padova-Mestre già in servizio

2 minuti di lettura

L'incontro in municipio a Padova 

 

Si è svolta giovedì mattina in Municipio a Padova, al termine della cerimonia di posa della prima pietra del nuovo ponte ferroviario sul Brenta a Vigodarzere alla presenza del presidente della Regione Luca Zaia, una riunione dedicata alla nuova linea Alta Velocità-Alta Capacità in arrivo da Vicenza e al nuovo assetto della Stazione di Padova.

Alla riunione hanno partecipato il sindaco di Padova Sergio Giordani, affiancato dal vicesindaco Andrea Micalizzi (che ha anche la delega ai lavori pubblici), e dall’assessore alla mobilità Andrea Ragona, la vicepresidente della Regione Veneto Elisa De Berti e il Commissario Straordinario per il progetto AV-AC Brescia –Padova ingegner Vincenzo Macello di Rete Ferroviaria Italiana.

Al tavolo anche i tecnici del Comune, della Regione e di RFI interessati alla progettazione delle opere.

Obiettivo dell’incontro, il punto sullo stato di avanzamento della progettazione della nuova linea ferroviaria AV-AC in arrivo da Vicenza e il suo innesto nel nodo di Padova.

Questa parte di progettazione sarà pronta entro il prossimo mese di aprile e riguarda il “piano regolatore” dei binari della stazione di Padova. I nuovi binari dell’Alta Velocità infatti saranno collocati nella parte nord della stazione (dove adesso sono presenti i binari dall’8 all’11) per permettere poi un collegamento immediato con la linea AV-AC Padova-Mestre già in servizio.

In particolare bisognerà garantire che i collegamenti AV per Milano e per Bologna non interferiscano con i binari della linea storica e quelli per Camposampiero/ Castelfranco/Belluno. La soluzione allo studio prevede un tratto che scenda sotto il piano campagna in galleria artificiale a Y per realizzare la connessione tra le due linee ed evitare ogni interferenza con quelle esistenti. I binari dell’Alta Velocità risaliranno poi al livello degli altri in ingresso della stazione di Padova. Come già previsto il riordino del piano binari della stazione prevede anche la demolizione e la ricostruzione del Cavalcavia Borgomagno.

Per quanto riguarda invece la Stazione e il suo inserimento nel tessuto urbano il progetto allo studio - che sarà pronto entro sei mesi - prevede come già ampiamente anticipato una funzione di “ricucitura” tra l’Arcella e il Centro città con due accessi uno a nord e uno a sud di pari importanza. La progettazione in corso si inserisce ed è in accordo sia con il Masterplan dell’area della Stazione sviluppato dall’architetto Stefano Boeri con MATE Engineering e approvato dal Comune, che del nuovo Piano Regolatore di Stazione che riguarda la parte più strettamente ferroviaria degli interventi.

Il percorso per l’arrivo dell’Alta Velocità – Alta Capacità e il rifacimento della Stazione di Padova prosegue quindi secondo i piani e si conferma come un elemento fondamentale nella costruzione della mobilità del futuro per la città di Padova che rafforza il suo ruolo di nodo strategico della rete ferroviaria nazionale.

I commenti dei lettori