Contenuto riservato agli abbonati

Padova, Draghi e Speranza citati in giudizio da una impiegata No vax: prima udienza, il Governo si difende

Primo round davanti al giudice Zambotto del processo civile con contestuale richiesta di risarcimento di 100 mila euro al premier e al ministro della Salute

PADOVA. Davanti al giudice Caterina Zambotto si è svolta oggi (giovedì 26 maggio) la prima udienza al tribunale civile con il premier Mario Draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza chiamati a risarcire 100 mila euro. I due membri del Governo sono stati chiamati in causa da un’impiegata padovana di 66 anni, che è anche presidente dell’associazione Libertà costituita il 4 gennaio scorso, un gruppo che fa chiaramente riferimento al mondo No vax.

Video del giorno

La Marmolada poco prima del crollo nelle immagini del soccorso alpino

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi