Contenuto riservato agli abbonati

[Opinioni] Le sorti del Piave e l’immobilismo della Regione Veneto

daniele macca

Fiaccato da prelievi agricoli e idroelettrici, dragato per l’estrazione del suo “oro grigio”, la ghiaia, inquinato per carenze depurative e qualche sversamento illegale, interessato da una cronica e oramai grave siccità in tutto il suo reticolo idrico per effetto del cambiamento climatico: questo è oggi

Il 24 maggio di 107 anni fa per l’Italia cominciava la tragedia della Grande Guerra che ci costò 650 mila morti e fu celebrata con la famosa “Canzone del Piave”: una pagina indimenticabile della storia veneta e nazionale. Per attualizzare l’accento retorico di questa ricorrenza è bene chiarire che il Piave – o meglio la Piave - rappresenta oggi una formidabile chiave di lettura del nostro territorio.

Il

Video del giorno

Tragedia in Marmolada, l'esperto spiega l'effetto-scivolo delle acque di fusione

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi