Contenuto riservato agli abbonati

Concessionari, parla De Bona: «Boom incentivi, ma poche auto. I microchip frenano il settore»

Gaetano De Bona

“Il mercato lo decidono i bonus governativi, ora ci sono e sicuramente ne vedremo gli effetti positivi. Però mancano le vetture”. Sull’elettrico: “Al momento meglio le ibride, ma è una fase di transizione”  

BELLUNO. «Il mercato dell’auto si sta avviando a una vera e propria rivoluzione prevista nel 2023. Intanto siamo allo stop and go, il calendario lo segnano gli incentivi». Gaetano De Bona è alla guida di una costellazione di concessionarie e marchi, che copre tutto il Triveneto.

De Bona Motors oggi vuol dire 14 sedi nelle province di Belluno, Treviso, Padova, Venezia, Vicenza, Rovigo, Trieste, Gorizia e Bolzano; 16 brand, a iniziare da quelli di Stellantis come Fiat, Abarth, Alfa Romeo, Lancia, Jeep e Maserati; poi Hyundai, Kia, Opel, Peugeot, Seat, Volkswagen, Jaguar e Range Rover; ed a livello di veicoli industriali ancora Fiat Professional, Opel, Peugeot e Volkswagen.

Video del giorno

Tragedia in Marmolada, l'esperto spiega l'effetto-scivolo delle acque di fusione

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi