Per Ultimo un’estate da cantare: a Bibione il debutto negli stadi

Ultimo, al secolo Niccolò Moriconi, è pronto per i suo tour negli stadi

Slittato per due volte, il tour partirà dalla cittadina sul litorale veneziano il 5 giugno. «Questo momento lo aspetto da tanto tempo. Ho il sorriso di chi ha già vinto»

BIBIONE. Lanciato nell’etere della musica italiana che conta dal secondo posto a Sanremo 2019, con “I tuoi particolari”, e da una manciata di canzoni suonate da tutte le radio: “Il ballo delle incertezze”, “Ti dedico il silenzio”, “Rondini al guinzaglio”, “Piccola stella”, per dirne alcune.

Galvanizzato dall’annuncio del primo tour interamente negli stadi, nell’estate 2020: otto concerti, con conclusione all’Olimpico della “sua” Roma, che avrebbero dovuto sancirne la consacrazione davanti al grande pubblico.

Infine, costretto a fermarsi. Il motivo è noto: la pandemia, che ha paralizzato un intero settore, e l’Italia tutta. Il tour allora viene fatto slittare di dodici mesi, poi di ulteriori dodici (i biglietti acquistati allora sono validi per le nuove date). Finalmente, dovrebbe essere arrivato il momento buono per Ultimo: estate 2022. Si inizia tra meno di un mese.

IL GIRO D’ITALIA

Dopo l’esperienza estemporanea dell’estate 2019 – due date: al Teghil di Lignano e all’Olimpico di Roma – sembra finalmente essere arrivato il momento del debutto di “Ultimo negli stadi”, con un tour vero e proprio.

L’esordio sarà il 5 giugno allo stadio Comunale di Bibione, unica tappa a Nordest di una tournée che segna già sette sold-out: l’11 giugno a Firenze, il 25 a Napoli, il 30 a Modena, il 7 luglio a Pescara, il 17 al Circo Massimo di Roma, il 23 e il 24 a San Siro.

LA SCOMMESSA

Tra i grandi eventi dell’estate 2022, i concerti di Ultimo sono la scommessa più ardita. Perché, se è vero che il cantante è reduce dalla pubblicazione di un nuovo disco, uscito appena sei mesi fa, è altrettanto vero che le regole restrittive dettate dalla pandemia si sono rivelate un brutto colpo per l’artista romano, un colpo inferto proprio nel momento del suo maggior successo.

Una scommessa che, nel 2019, sembrava già vinta, ma che adesso resta tutta da giocare.

«Questo momento lo aspetto da troppo» dice lui, guardando dietro di sé, «E quando ho un appuntamento, so che devo presentarmi in smoking, con il sorriso di chi già sa che ha vinto, per quanto si è preparato».

Per questo Ultimo adesso deve fermarsi e raccogliere quanto di buono seminato ormai più di due anni fa, per ripartire esattamente da quel punto e non tradire le promesse.

LA SCALETTA E IL NUOVO ALBUM

Nel frattempo, si diceva, è uscito un nuovo album: “Solo”, il quarto della sua carriera. Ulteriore materiale su cui contare e a cui attingere per la stesura della scaletta che sarà colonna sonora dei concerti negli stadi.

Si parla di brani che hanno ottenuto un successo più che discreto in radio: “Tutto questo sei tu”, il primo singolo, “Niente” e “Supereroi”, gli ultimi due.

Pezzi che confluiranno tutti nella scaletta del tour.

Canzoni che i fan di Ultimo non vedono l’ora di intonare, a una sola voce, sotto il cielo estivo degli stadi. Consegnando le chiavi delle grandi folle a uno degli “enfant prodige” del pop italiano di oggi.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Siccità, il Comune di Padova spegne le fontane.Ecco la città "a secco"

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi